Il sindaco di Predappio Frassineti (PD) risponde «sobriamente» all’inchiesta su PD ed estrema destra

Giorgio Frassineti, la foto di gruppo. Accanto a lui, Antonio Canessa di Lealtà Azione

Teatro del Casinò di Sanremo, 9 novembre 2016. Il sindaco di Predappio Giorgio Frassineti (PD) partecipa alla presentazione di un libro di Edda Negri Mussolini, nipote di Benito. Insieme a Frassineti ci sono Antonio Canessa dell’associazione «Memento», parte della rete di estrema destra Lealtà Azione (da più parti definita tout court neonazista) e Francesca Bosso dell’associazione «Et Ventis Adversis», altro sodalizio dello stesso network. Questa foto è stata caricata sulla testata on line Sanremo News con il nome «Tavolo dei relatori 9 novembre 2016» e ripresa sulla pagina Facebook di «Et Ventis Adversis». Frassineti è il terzultimo da destra, accanto a lui Canessa di Lealtà Azione. Per avere maggiori informazioni su Lealtà Azione, clicca sull’immagine. Ma solo dopo aver letto, qui sotto, come ha risposto il sindaco di Predappio a chi gli chiedeva conto di tale “vicinato”.

Con un certo ritardo, ma anche con un certo stile, il sindaco di Predappio Giorgio Frassineti (PD) replica e fornisce spiegazioni sull’evento che lo riguarda incluso nell’inchiesta CasaP(oun)D. Rapporti con l’estrema destra nel ventre del partito renziano. Nella didascalia qui sopra ricordiamo brevemente di cosa si tratta. Ecco la risposta di Frassineti, con annesse spiegazioni.

«Il signor WuMinchia potrebbe occupare il suo tempo diversamente che non occuparsi dova va il sindaco di Predappio. Per dire, nel suo anonimato potrebbe anche farsi i cazzi suoi. No. Insiste. Ciccio Minchia, era al teatro del casinò di San Remo. Si presentava un libro e tu non eri invitato. Tira il culo? Pazienza. Diversamente sei un vero WuMinchia.»

«Il signor WuMinchia potrebbe occupare il suo tempo diversamente che non occuparsi dova va il sindaco di Predappio. Per dire, nel suo anonimato potrebbe anche farsi i cazzi suoi. No. Insiste. Ciccio Minchia, era al teatro del casinò di San Remo. Si presentava un libro e tu non eri invitato. Tira il culo? Pazienza. Diversamente sei un vero WuMinchia.»

A una richiesta di ulteriori spiegazioni, il sindaco – sempre mantenendo toni pacati – ha risposto così:

«Se ti fanno una foto con uno che non conosci, che non ha partecipato al dibattito, e che è lì e non sai perché, cosa pensi? Niente. Ti incazzi quando strumentalizzano un niente. E pensi subito che questa gente è pericolosa perché cerca l'odio tra le persone. Un fatto normale, in un posto normale, con 300 persone normali, a maggioranza di sinistra, viene dipinta come una sordida riunione. Io non so chi sia questo wu ming. Ma credo che lo denuncerò.»

«Se ti fanno una foto con uno che non conosci, che non ha partecipato al dibattito, e che è lì e non sai perché, cosa pensi? Niente. Ti incazzi quando strumentalizzano un niente. E pensi subito che questa gente è pericolosa perché cerca l’odio tra le persone. Un fatto normale, in un posto normale, con 300 persone normali, a maggioranza di sinistra, viene dipinta come una sordida riunione. Io non so chi sia questo wu ming. Ma credo che lo denuncerò.»

La chiave è nel botta-e-autorisposta: «Cosa pensi? Niente. Ti incazzi».

Frassineti, come certi personaggi immortalati nella colonna qui a destra (box «Hanno detto di noi»), non sapendo come argomentare ci chiama “WuMinchia” (originalissimo! 😀) e, sulla scia di altri esponenti del suo partito, minaccia querele. Ma non ha alcun appiglio: noi e Nicoletta Bourbaki abbiamo spiegato chi c’era a quell’evento e in quella foto. Sono fatti. Invece di abbandonarsi ad attacchi di collera, il sindaco dovrebbe rispondere nel merito.

Inoltre, è falso che le persone da noi nominate non abbiano partecipato al dibattito, come sostiene Frassineti. Su questo sono chiari i resoconti giornalistici: «Sono, quindi, intervenuti Francesca Bosso per l’associazione “et ventis adversis” e Antonio Canessa per il sodalizio “Memento”.»

Frassineti dice che non conosceva i suoi correlatori. Se è vero, è grave. Chi ricopre un ruolo istituzionale non dovrebbe accettare inviti alla cieca. Dovrebbe informarsi prima sul contesto.

E il contesto era chiaro. Aggiungiamo che, come annunciato sulla locandina, al termine del dibattito ha suonato Skoll, rockettaro «identitario» – eufemismo per neofascista – vicino a Casapound, autore e cantante di versi immortali come: «Vieni a passeggio con me sul ponte Mussolini / dove corrono i bambini / con i fazzoletti neri / oggi come ieri […] E gli eroi fascisti gettarsi sulle baionette nemiche / E la lupa romana ci guarda con amore…»

Ma a Frassineti il contesto sembra «normale», anzi, addirittura «di sinistra».

Ricordiamo che Frassineti è il responsabile politico del progetto di “museo del fascismo” a Predappio. Già gli auspici non ci sembravano buoni (vedi la discussione qui). Ora abbiamo diversi motivi in più per seguire quella vicenda con attenzione e inquietudine.

Scarica questo articolo in formato ebook (ePub o Kindle)Scarica questo articolo in formato ebook (ePub o Kindle)

Print Friendly, PDF & Email

Altri testi che potrebbero interessarti:

9 commenti su “Il sindaco di Predappio Frassineti (PD) risponde «sobriamente» all’inchiesta su PD ed estrema destra

  1. Bella figura, no davvero bella figura! Ma saranno mica “compagni che sbagliano”? E a proposito ma il Pd non era quello che si voleva dare una verniciata di antifascismo due mesi fa? —>http://www.ansa.it/sito/notizie/politica/2017/07/11/ddl-antifascismo-grillo-attacca-pd-vuol-colpire-opinioni-ed-m5s_be786258-9c89-46ea-825d-373235d7294b.html

  2. Clicca per ingrandire

    Contattato dal Corriere di Romagna, il sindaco Frassineti conferma di aver chiamato l’avvocato «perché dopo quella cosa ho ricevuto in privato decine di messaggi e insulti e questo credo che sia un danno che l’iniziativa di questi Wu Ming ha prodotto».

    Noi siamo pronti. Come sempre, del resto. Trasformeremo la causa in una grande campagna d’opinione, inchiesta di massa e controinformazione su Predappio, con tanto di crowdfunding.

    • Prima ancora della notifica, preallerteremo centri sociali, ANPI, circoli culturali, associazioni, club di tutta l’Emilia-Romagna. L’idea è organizzare serate di informazione e autofinanziamento per le spese legali, con musica dal vivo e con gli interventi di storici, giornalisti, urbanisti, per discutere di Predappio, delle politiche di Frassineti, del progetto di museo, e più in generale dell’inchiesta che ha fatto arrabbiare il sindaco. Daremo la massima pubblicità a ogni appuntamento, usando tutti i mezzi a disposizione.

  3. La marcia su Roma fu «una manifestazione» e il fascismo non fu solo tremendo.
    Il sindaco Frassineti e il logoro mito del «fascismo buono degli inizi».

  4. […] Il liquame è tracimato, e per la prima volta l’inchiesta di Nicoletta Bourbaki «CasaP(oun)D» non viene respinta a priori attaccando chi l’ha linkata, non viene ignorata o sminuita, ma presa in considerazione. Nessuno risponde, per capirci, come ha fatto solo pochi giorni fa il sindaco di Predappio Giorgio Frassineti. […]

  5. […] in precedenza, quando il PD aveva reagito alle nostre segnalazioni minimizzandole o, peggio, rispondendo sulla falsa riga del sindaco di Predappio Giorgio Frassineti, queste ultime segnalazioni sono state accolte diversamente sia da parte di alcuni deputati PD – […]

  6. […] abbiamo segnalato l’episodio, il sindaco ha reagito con insulti e minacciandoci di querela. Sono passati più di due mesi e della querela non abbiamo ancora […]

Leave a Reply