ScaRica i 4 (quattRo!) volumi di #TifiamoScaRamouche, stoRie di gueRRa di classe scatuRite da L’#ArmatadeiSonnambuli

Tifiamo Scaramouche nel Seicento: «Terra canta». Clicca sulla copertina di Alessandro Caligaris per scaricare il primo dei quattro ebook (PDF).

Tifiamo Scaramouche nel Seicento: «Terra canta». Clicca sulla copertina di Alessandro Caligaris per scaricare il primo dei quattro ebook (PDF).

Nota del curandero
(Simone Scaffidi L.)

Non c’è due senza tre. Tifiamo Scaramouche è il terzo esperimento di tifo narrativo forgiato dalla fucina di Giap – il blog del collettivo di scrittori Wu Ming – e foraggiato dalla comunità di lettori che frequentano e animano questo fertile spazio sociale. Sorella delle esperienze che l’hanno preceduta – Tifiamo Asteroide e Tifiamo 4 – anch’essa si connota come un’antologia di racconti multiautore, rivendicando fn dal principio il suo ruolo di spudorata fan-fiction e irriverente spin-off. L’opera che segue è infatti il frutto di un furto premeditato – quello di una maschera – ai danni di uno dei personaggi de L’Armata dei Sonnambuli, l’ultimo romanzo storico di Wu Ming (Einaudi, 2014). La maschera in questione è quella di Scaramuzza, Scaramuccia o Scaramouche, portata in auge in Francia dall’attore teatrale Tiberio Fiorilli intorno agli anni ’40 del ‘600.

Tifiamo Scaramouche nel Settecento: «Carne brucia». Clicca sulla copertina di Alessandro Caligaris per scaricare il secondo dei quattro ebook (pdf).

Tifiamo Scaramouche nel Settecento: «Carne brucia». Clicca sulla copertina di Alessandro Caligaris per scaricare il secondo dei quattro ebook (pdf).

Il piano sovversivo. L’idea di dare vita a una raccolta mascherata e imbrattamuri, comprensiva di costrizioni a cui sottoporre gli autori e le autrici dei racconti, è venuta a una sparuta cellula di sovversivi pavesi, che rispondono ai nomi di Pietro Pace, Mauro Vanetti e Alessandro Villari, già noti alle autorità per le loro azioni di guerriglia culturale.
Questi agitatori di professione, presentatisi su Giap, hanno lanciato la proposta di far rivivere nei secoli la maschera di Scaramouche, ben consapevoli del clima di fermento che stava infammando la comunità: centinaia e centinaia di commenti intorno all’atto V e ai personaggi de L’Armata dei Sonnambuli, agenti letterari mascherati da Scaramouche che vagavano per la penisola, spoilerate selvagge e artigli di Marie Nozière che fendevano l’aria da ogni parte.
La proposta dei tre, come ci si aspettava, è stata accolta senza esitazioni e con entusiasmo. Non si è perso tempo e ci si è messi subito all’opera per studiare le mappe e tracciare le rotte del viaggio. Intanto, ai pavesi si sono aggiunti altri agitatori, capannelli si sono formati su Giap e su reti sociali più ostili, e finalmente si è giunti all’elaborazione di un documento nel quale sono state indicate alcune rotte da seguire durante il viaggio, e molte altre ancora da scoprire.

Tifiamo Scaramouche nell'Ottocento: «Rivolta viene». Clicca sulla copertina di Alessandro Caligaris per scaricare il terzo dei quattro ebook (pdf).

Tifiamo Scaramouche nell’Ottocento: «Rivolta viene». Clicca sulla copertina di Alessandro Caligaris per scaricare il terzo dei quattro ebook (pdf).

Un viaggio spazio-temporale. La storia collettiva che interessa la maschera di Scaramouche e che leggerete nelle prossime pagine, si sviluppa dal 1640 al 2014. Gli estremi di questa saga coincidono con il periodo di affermazione popolare della maschera e il tempo presente. Per creare una continuità di natura temporale tra i racconti si è deciso di dividere la storia collettiva in lustri (1640-1644, 1645-1649, 1650-1654 e così via), invitare autori e autrici ad accaparrarsene uno dei 75 a disposizione e ambientare il loro racconto nell’arco di quei cinque anni. Per l’assegnazione dei lustri si è indetto un contest non competitivo, è stata stabilita una data e un orario di apertura delle candidature da inviare via mail e si è seguita la regola del “chi prima arriva prima se lo prende”. In questo modo si è riusciti, nonostante alcune defezioni e latitanze, a coprire tutti e 75 i lustri.
Prima dell’assegnazione, alle autrici e agli autori sono stati forniti alcuni strumenti imprescindibili per portare a termine il viaggio, costrizioni letterarie che hanno plasmato le avventure di Scaramouche nei secoli. I racconti infatti avrebbero dovuto avere in comune quattro elementi:

– Scaramouche protagonista;
– Scaramouche coinvolto in un qualche evento storico realmente accaduto;
– Una scritta sul muro;
– Il limite di 20.000 battute spazi inclusi.

I partecipanti alla spedizione sono stati poi coordinati attraverso una mailing list che ha permesso agli autori e alle autrici, qualora lo avessero voluto, di comunicare fra di loro e creare connessioni fra i racconti. Qualcuno ha costruito personaggi che hanno attraversato lustri da una penna all’altra, altri hanno ricercato continuità narrative tra i racconti, altri ancora senza saperlo hanno scritto storie le cui assonanze storicogeografiche risuonavano importanti tra un lustro e l’altro. Il mio ruolo di curandero è consistito nel coordinare i lavori organizzativi, provare a valorizzare le corrispondenze tra i racconti e dedicarmi alla fase di editing e impaginazione. Un contributo essenziale per il lavoro di impaginazione è stato dato da Franco Berteni aka Mr Mill.

Tifiamo Scaramouche nel Novecento: «Notte fugge». Clicca sulla copertina di Alessandro Caligaris per scaricare il quarto dei quattro ebook (pdf).

Tifiamo Scaramouche nel Novecento: «Notte fugge». Clicca sulla copertina di Alessandro Caligaris per scaricare il quarto dei quattro ebook (pdf).

4 volumi per 4 secoli. Una volta reperiti tutti i materiali e essermi confrontato con autori e autrici, si è dotati i racconti di un titolo comprensivo di un riferimento geografico e uno temporale. E si è deciso di dividere l’opera in quattro volumi corrispondenti al secolo in cui sono stati ambientati i racconti: ‘600, ‘700, ‘800 e ‘900. Per ogni libro poi, al titolo dell’opera Tifiamo Scaramouche, è stato affancato un sottotitolo.
Terra canta per il primo volume riguardante il ‘600, Carne brucia per il ‘700, Rivolta viene per l”800 e Notte fugge per il ‘900. I sottotitoli dei quattro volumi non pretendono di rispecchiare le singole storie raccontate dagli autori e dalle autrici, ma vogliono evocare una sorta di zeitgeist narrativo del secolo in questione, che prende forma attraverso la concatenazione dei significati espressi nei differenti racconti.
Le copertine relative ai quattro volumi e i disegni presenti al loro interno sono stati realizzati grazie al prezioso contributo di Alessandro Caligaris e Francesca Sibona. Il primo ha messo a disposizione le sue importanti doti di disegnatore mentre la seconda ha curato la digitalizzazione delle illustrazioni.

Trasversalità e transmedialità. Il lavoro culturale del collettivo Wu Ming, ormai da più di un decennio, è caratterizzato da una forte propulsione trasformativa, che affonda le sue radici nella trasversalità e transmedialità delle proposte che porta avanti. Non è un caso dunque che attorno alle storie del collettivo si sviluppino progetti che definire paralleli appare riduttivo. Questi infatti non corrono su binari separati ma intrecciano e sfilacciano forme e contenuti rielaborando storie autonome ma concatenate. In altre parole non ricercano un presunto multiculturalismo delle arti ma ambiscono a forme più radicali di meticciato culturale.
È così che dalla costruzione de L’Armata dei Sonnambuli, per citare solo il caso che più da vicino ci interessa, nascono laboratori di magnetismo rivoluzionario tesi a decostruire gli stereotipi di genere nel mondo della magia (Mariano Tomatis), canzoni post-punk che inneggiano alla Cura Robespierre (Wu Ming Contingent), tavole illustrate dei personaggi che animano il romanzo (Alessandro Caligaris e altri ancora), reading, racconti ispirati, sequenze di origami, cartoline e chi più ne ha più ne metta.
Tifiamo Scaramouche è un tassello di questo universo trasversale, per nulla parallelo o etereo, un universo magmatico dove le storie si con-fondono l’una con l’altra dando vita a una narrazione corale.

Per scaricare gli ebook, clicca sulle copertine.

Scarica questo articolo in formato ebook (ePub o Kindle)Scarica questo articolo in formato ebook (ePub o Kindle)

Print Friendly, PDF & Email

Altri testi che potrebbero interessarti:

5 commenti su “ScaRica i 4 (quattRo!) volumi di #TifiamoScaRamouche, stoRie di gueRRa di classe scatuRite da L’#ArmatadeiSonnambuli

  1. […] Notte Fugge) e arricchita dalle illustrazioni di Alessandro Caligaris, è di recente uscita su Giap!] […]

  2. Piccolo annuncio: domenica 20 settembre a Torino in via Revello (di fronte all’ex Gabrio) ci sarà un reading da tifiamo Scaramouche come parte di un evento di cui parlo qui http://narrare.altervista.org/blog/?p=596
    Come lettori ci dovremmo essere Mario Mantilli, Sylvie Freddie, io, Daniele Contardo, Davide Gastaldo, Mauro Vanetti, Corrado Gioannini e Giancarlo. Visto che i lustri assegnati si fermano al 2014 qualcosa nel 2015 Scaramouche doveva pur fare…

  3. […] Diatto. All’interno di questa giornata uno spazio sarà dedicato alla lettura di racconti da “Tifiamo Scaramouche“. Saranno presenti, oltre al sottoscritto, @abesibe, @davidegastaldo, @gioco1010, @maurovanetti, […]

  4. […] Wu Ming, che già abbiamo conosciuto sulle pagine di SALT, scrive libri di Rivoluzione, nella forma e nella sostanza. Tanti autori per cogliere e raccogliere i nuovi racconti che si inseguono da sé, uno dopo l’altro. Anche dopo la pubblicazione, l’armata dei sonnambuli è rimasto un libro vivo. Il collettivo Wu Ming fa infatti parte della Wu Ming Foundation, che comprende anche altri progetti: la punk-rock band Wu Ming Contingent, il blog Giap e l’officina di narrazioni Wu Ming Lab. All’interno di Giap sono nati, a partire dall’iniziativa di Pietro Pace, Mauro Vanetti e Alessandro Villari, nuovi racconti attorno alla figura di Scaramouche, uno per ciascuno dei 75 lustri che corrono dal 1640 al 2014: 75 autori diversi, coordinati da Simone L. Scaffidi (copertine di Alessandro Caligaris digitalizzate da Francesca Simona, vedi l’articolo su Giap) […]

  5. […] Questo racconto è stato scritto in origine per la raccolta “Tifiamo Scaramouche”, è incluso nel quarto volume che si può scaricare, assieme agli altri, qui: http://www.wumingfoundation.com/giap/2015/06/scarica-i-4-quattro-volumi-di-tifiamoscaramouche-storie… […]

Leave a Reply