«Point Lenana», di Wu Ming 1 e Roberto Santachiara. Aprile 2013

point_lenana_cover

Let’s face the music and dance.

E’ andato in stampa ieri. Uscirà il 23 aprile 30 aprile.
In fondo c’è scritto «Febbraio 2009 – febbraio 2013».
We did it, man.
What a long, strange trip it’s been.
Seicento pagine. Un secolo di storie.
Manco a farlo apposta (e non lo abbiamo fatto apposta), esce nell’anno del centocinquantenario del CAI, del settantennale dell’evasione alpinistica dal campo di prigionia di Nanyuki e del settantennale dell’Armistizio, nonché un anno prima del centenario della Prima guerra mondiale.

Potete cliccare sull’immagine per avere un’anteprima in pdf.

N.B. Lo presenteremo in giro per l’Italia dalla fine di aprile a metà luglio. Qualche data ad agosto, poi riprenderemo a settembre. Il calendario lo pubblicheremo più avanti. Maggio è già pieno. Se avete date da proporre, ragioniamo su giugno e luglio, grazie. Vorremmo coprire, idealmente, tutto l’arco alpino, dalle Marittime alle Giulie. E se ogni tanto, prima o dopo la presentazione, ci scappa un’escursione, magari «a tema», non ci farebbe nemmeno schifo, toh.

Altri testi che potrebbero interessarti:

In cima al Kenya col Comandante (Un oggetto narrativo non-identificato)
Speciale #PointLenana: Alto Adige, Trento e Trieste, Internazionale, video, recensioni
#AlpinismoMolotov. No Picnic on Rocciamelone
Share
Versione stampabile / Print this post flattr this!

27 commenti - 5 diramazioni Scrivi un commento
  1. Lo.Fi says:

    Oh finalmente :-) ! Ma quindi ragioniamo appena per giugno qui in patria di Benuzzi? O la data è tra quelle riservate in aprile-maggio?
    In aggiunta propongo un reading sulla vetta del Mangart in estate ;-)
    http://www.sentierinatura.it/easyne2/LYT.aspx?Code=SentieriNatura&IDLYT=1349&ST=SQL&SQL=ID_Documento=2557

    Mostra/nascondi risposte
  2. dovic says:

    Mi ha fatto piacere quando, alla lezione di presentazione del corso di geografia, ho sentito il prof., dichiaratosi appartenente a quei geografi militanti “con i piedi nel fango”, affermare che il corso tratterà anche di “tematiche emergenti dai territori contemporanei, in particolare i fenomeni di rivitalizzazione delle “montagne di mezzo”, intese come luoghi di mediazione tra scale e funzioni territoriali differenti, tra wilderness e intensivizzazione produttiva, tra città e montagna.”
    Si parte da una storia di rivendicazione della propria libertà nella seconda guerra mondiale e si arriva alla montagna di oggi con i suoi conflitti, le sue ricchezze e i suoi sguardi verso il futuro.

    Spero di beccarvi dalle mie parti in una delle date che verrano. Buone scarpinate.

  3. Giovanni Carta, il Lurker says:

    Ciao. Wu Ming 1, tempo fa, presso il Bartleby, ti feci i miei complimenti dopo averti ascoltato leggere un’anteprima di Point Lenana. Trovai quegli stralci arguti e appassionanti. Leggerò Point Lenana con estremo interesse. Comunque sia, bravi.

  4. GIGANTE says:

    Ciao….sono molto interessato a proporre una presentazione di questo libro nel mio Rifugio Alpino. (Fb Rifugio Croce di Campo). Ho organizzato come Guida in passato il trekking alla Pta Lenana e conosco i luoghi ed i percorsi seguiti dal Benuzzi !
    Qualsiasi periodo va bene…ma sarebbe veramente Ok l’ultimo W.E. di giugno in concomitanza con altra manifestazione che può dare ampia visibilità all’evento! Fatemi sapere. Gig

  5. sonovel says:

    Mamma che bello se riuscissi a portarvi nella ridente Val Tidone, Piacenza!
    Sono solita dire che vivo nella “virgola nera” dell’Emilia Romagna e voi potreste portare una boccata di aria fresca.
    Se va in porto, vi prometto un’escursione al profumo di salame e gutturnio, le nostre specialità.
    A chi posso chiedere maggiori dettagli?

  6. Alberto_Indertat says:

    E venire da noi a Luglio? Lo presentiamo all’aperto, di sabato. Poi la domenica gita sul Cippo Comici e il confine con la Slovenia (ovviamente con opzione di merenda e vino locali). Potrebbe andare?

  7. VecioBaeordo says:

    La butto lì: qui in Piemonte avrei trovato un itinerario (bel posto, tra l’altro) dedicato a una storia partigiana che in qualche modo unisce piemontesi, sloveni e inglesi:

    http://www.memoriadellealpi.net/download/GRUPPO01%7EPDF_SENTIERI/GRAN-PARADISO-3.pdf

    Mostra/nascondi risposte
    • MarCa says:

      Sembra interessante. Delle cinque escursioni proposte, la prima è il 22 Maggio, però quel mese gli autori sono già occupati.
      L’unica è sperare che organizzino un’escursione anche a Giugno :-)

  8. Livio Biella says:

    Vorrei proporvi la presentazione del libro a Cardano al Campo al circolo Quarto Stato… come possiamo metterci in contatto??

  9. Wu Ming 1 says:

    Grazie mille, nei prossimi giorni risponderò a tutti quanti. D’ora in poi, tenete come riferimento la mail wu_ming AT wumingfoundation.com
    Tenete conto che, tra le date ancora “orbitanti” e quelle proposte qui, si è ormai quasi riempito anche giugno. Complessivamente, siamo già intorno alle 30 date fissate più altre 10-12 proposte.
    Per le prossime si va già a luglio, e poi a settembre.

  10. Luca Gori says:

    Grandi ragazzi! Non vedo l’ora di leggerlo.

    Cari saluti,

    Luca

    P.S. Per quando possiamo realisticamente aspettarci “L’armata dei sonnambuli”?

    Mostra/nascondi risposte
    • Wu Ming says:

      Se tutto va per il meglio, dovrebbe uscire entro Natale. Altrimenti, poco dopo.

      Mostra/nascondi risposte
      • Luca Gori says:

        Molte grazie. Sarà un piacere leggerli entrambi. Come un piacere del resto è sempre stato leggere tutti i vostri libri.

  11. E pluribus unum: I MeetUp dalle Torri Gemelle al M5S | Deadwarhols (Mrtvýwarhola) says:

    [...] . Paradossalmente, gli incontri e le presentazioni dei libri dei WuMing (http://www.wumingfoundation.com/giap/?p=12190) in giro per l’Italia, abbinati a escursioni, trekking, convivialità, corrispondono (forse) [...]

  12. Wu Ming says:

    Attenzione: il calendario delle presentazioni di “Point Lenana” è già pieno zeppo anche a luglio!

    Lo constatiamo tenendo conto di tutti quelli che ci hanno già scritto, che le date precise siano già fissate o meno.

    WM1 è disponibile per alcune presentazioni ad agosto, max 4-5, solo in Friuli – Venezia Giulia, Slovenia e Istria.

    Altre date sono concordabili per la prima metà di settembre. Dopodiché, fatta salva la partecipazione a qualche festival o rassegna che si svolge in periodi fissi dell’anno, chiuderemo il tour.

    Grazie davvero per l’entusiasmo (e la fiducia!)

  13. blepiro says:

    L’ho seguito passo passo, di sbieco, questo lungo parto e cammino. Già gli devo molto: la lettura di Kilimanjaro, l’incontro con la figura di Balletto (e non ditemi che l’immagine in copertina è un gioco di parole). Ora vede la luce.

    Alla vetta, alla fine :)

  14. Wu Ming 1 says:

    Il calendario è pieno anche a settembre. Un tour ai limiti dell’umanamente sfangabile :-)
    C’è ancora un po’ di spazio ad agosto, poche date solo per Friuli ed ex-Litorale Austriaco.

  15. Wu Ming says:

    Attenzione, ecco la data d’uscita definitiva di Point Lenana: 30 aprile.
    La causa dello slittamento di una settimana è un piccolo disguido tecnico legato all’acquisto della carta ecologica (riciclata al 100% e sbiancata senza uso di cloro) che richiediamo per i nostri libri.
    Coincidenza vuole che il 30 aprile sia il compleanno di WM1.

  16. mr mill says:

    Ciao, scrivo un commento molto OT (ma neanche troppo): nelle ultime due serate mi sono sottoposto alla visione della miniserie prodotta dalla Rai “K2. La montagna degli italiani”, l’ho fatto perché ero curioso di come sarebbe stata raccontata e rappresentata la prima ascensione assoluta del K2, nel 1954, da parte di una spedizione italiana, e più nello specifico come gli sceneggiatori avessero deciso di raccontare le ultime giornate prima della conquista della vetta, affrontando il nodo più critico di quella vicenda: le diverse versioni della salita che contrapposero Ardito Desio (e gli altri protagonisti dell’ascesa) a Walter Bonatti, una querelle durata 54 anni (per chi non conoscesse, in breve qui: http://it.wikipedia.org/wiki/K2).

    Il titolo della miniserie già è indicativo, purtroppo tutto il resto è anche peggio. Banale e rozza la resa dei personaggi: Cassin un walker texas ranger de noialtri, Bonatti un cazzaro fra il Franti e il guascone, Compagnoni umile mite e amico dei preti, Lacedelli – quasi quasi – finito lì per caso (ha da pensare alla morosa). Desio uomo tutto di un pezzo, l’italiano che crede nella grande battaglia contro la montagna, fine ultimo: l’onore della *Patria*. Per quanto riguarda poi le vicende relative alla notte precedente all’ascesa finale sulla vetta da parte di Compagnoni e Lacedelli ci si attiene alla revisione del 2008 della versione ufficiale, ma la sensazione durante la visione è stata quella di una tensione verso la fuga oltre quello che rappresenta lo scoglio a una narrazione pacificata e liscia della vicenda, arrivando – per farla breve – a ridurre il tutto a un «vaffanculo» rivolto a Compagnoni da Bonatti.
    Tutto sommato il titolo dice già tutto, contiene già tutto.

    Perché questo commento? Perché questo mi pare un buon esempio di come – al di fuori della nicchia tutto sommata ristretta dell’ambito alpinistico e della letteratura alpinistica e di montagna – una vicenda che nel 1954 riempì pagine e pagine dei quotidiani e della stampa italiana, con le relative polemiche che coinvolsero l’opinione pubblica, sia banalizzata e ridotta, al solito pur di poter far passare un messaggio fondamentalmente – ancora, nel 2013 – d’aflatto nazionalista (“quanto sono bravi gli italiani, ma quanto cuore gli italiani…”). Per usare una definizione che torna spesso qui su Giap, di narrazione tossica si tratta, e nello specifico, questa miniserie, è anche una delle poche narrazioni che riguardano quell’ambito – alpinismo e montagna – che siano arrivate in prima serata al “grande” pubblico.

    Lo scrivo qui anche perché Point Lenana sarà un’occasione per guardare – anche – al mondo dell’alpinismo storico con uno sguardo obliquo, storicizzandone le dinamiche e le tensioni, restituendo ai suoi protagonisti profondità e considerandoli all’interno del quadro della loro epoca. La lunga serie di presentazioni che si annunciano sono un buon auspicio, ora non ci resta che attendere l’uscita del libro. E poi discuterne su Giap… :)

    Mostra/nascondi risposte
    • VecioBaeordo says:

      Verso fine settimana scorsa, forse sabato pomeriggio (non ricordo, sono allergico alla TV per più di 2h/mese) è passato su RAI(n) anche un documentario sulla storia Bonatti/K2, girato l’anno scorso (lui già morto), presentato e raccontato da Messner.
      Al di là dell’inevitabile impostazione generalista/cerchiobottista, a mio parere quello rendeva perfettamente giustizia a Bonatti, e riportava addirittura alcune delle motivazioni tecniche con le quali il consiglio dei saggi(?) del CAI ne convalidava la versione.
      La fiction invece l’ho vista solo nella seconda puntata e l’ho trovata, come te, penosa da ogni singolo punto di vista, soprattutto quanto a nazionalismo. In questo senso penso che si possa tranquillamente affermare che sia Bonatti che Messner sono sempre stati troppo “anarchici” per poter diventare eroi della patria.

  17. wfm_83 says:

    Sembra estremamente interessante. Come ogni libro di/dei Wu Ming so già che mi farà prendere in mano enciclopedia e libri vari per saperne di più. Sarei estremamente felice se ci fosse una presentazione a Bassano in provincia di Vicenza, ma non sono in grado di fare una proposta concreta non essendo della zona. Da casa mia se mi affaccio vedo le Alpi (il fantastico monte Grappa), essendo le presentazioni dislocate sull’arco alpino ho forti probabilità di esserci per una presentazione del libro.

    OT, sto leggendo guerra agli umani, vivissimi complimenti a Wu Ming 2.

  18. Andrea M. says:

    Ieri parlavo di quando a Roma (ancora fino alla fine degli anni settanta) c’erano molti cinema di seconda e terza visione e il richiamo nella copertina (pur potendo essere incidentale, casuale, fortuito) mi convince che un’altra esperienza intensa mi attende (30 aprile?) come Timira, Stella Del mattino, Altai, Manituana, 54, Q,…
    So che potrebbe non essere corretto mettere insieme le opere del collettivo con quelle dei singoli (anche aperte a co-produzioni con esterni) ma credo che vi sia una matrice comune. Avete fissato una o più presentazioni a Roma?
    Grazie

    Mostra/nascondi risposte
    • Wu Ming 1 says:

      Sì, certo, presenteremo Point Lenana anche a Roma. Tra pochi giorni andrà on line il calendario di maggio-giugno.

  19. kuka says:

    A proposito di arrampicate e polemiche “storiche” dell’alpinismo, ecco un ultima notizia su Cesare Maestri, Cerro Torre e Compressor http://www.lastampa.it/2013/04/03/societa/puristi-contro-modernisti-scalatori-divisi-dai-chiodi-5ZkYbIrylHAiAfXzx7ysvI/pagina.html

  20. Felice Benuzzi racconta in TV la sua fuga sul Kenya (1987) | Giap says:

    [...] del libro Fuga sul Kenya (1948, riedito da Corbaccio nel 2012) e tra i protagonisti del libro Point Lenana di Wu Ming 1 e Roberto Santachiara (Einaudi, in libreria dal 30 aprile 2013). L’intervista è [...]

  21. Sul mio comodino in questi giorni ci sono... - Pagina 11 says:

    [...] (e ritorno) di Felice Benuzzi e altri 2 prigionieri, sul monte Kenya! Non vedo l'ora! Point Lenana Point Lenana, di Wu Ming 1 e Roberto Santachiara*|*Giap E non vedo l'ora del secondo capitolo della trilogia di Manituana, questa volta dovrebbe [...]

Per Stefano Tassinari. La sua voce, un archivio, il crowdfunding

«Ribellarsi è giusto: ma bisogna farlo bene, saperlo fare bene, imparare a saperlo fare bene, e questo è il compito di una vita.» (Mario Tronti)

Siamo gli autori di Q, 54, Manituana, Altai e svariati altri libri. È uscito da poco il nostro nuovo romanzo L'Armata dei Sonnambuli.

Con il nome «Wu Ming Contingent» siamo anche una punk-rock band. È uscito da poco il nostro album Bioscop, tematicamente collegato a L'Armata dei Sonnambuli.

Il sito wumingfoundation.com, nelle sue varie incarnazioni, è on line dal gennaio 2000.

Giap è il nostro blog, ma è anche una comunità di lettrici e lettori, ed è molte altre cose.

Il nostro indirizzo email è:
wu_ming presso wumingfoundation.com
Da usare con parsimonia e criterio.

Siamo anche su Twitter

HANNO DETTO DI NOI

«Come facciano questi cani sciolti italiani a ottenere narrativa di tale potenza e complessità da un lavoro collettivo resta un enigma, ma possano i loro tamburi suonare a lungo.»
The Independent

«In letteratura, quattro cervelli messi insieme per scrivere un'opera fanno zero. Forse anche meno [...] Una macedonia di fumetti, vecchi film, spezzoni di fiction, sceneggiature ingiallite, elenchi telefonici stranieri, dipinti d'epoca e imitazioni di salgariani impazziti.»
Avvenire

«E poi, come diavolo scriveranno a dieci mani i favolosi cinque? Capitan Sovietico scrive un capitolo e SuperGuevara un altro? Oppure scrive tutto l'Uomo Maoista e gli altri fanno l'editing? »
Libero

«Come diceva Ernesto Calindri in un celebre Carosello anni Sessanta: "Dura Ming! Non dura, non può durare…".»
R. Chiaberge, Il Sole 24 Ore

«Non leggete L'eroe imperfetto di Wu Ming 4. Basta coi finti sperimentali.»
A. D'Orrico, Sette/Corriere della sera

«I Wu Ming stanno con Al-Qaida, il cui obiettivo siamo noi e fa di Hitler un dilettante. Fate sentire la vostra voce, i vostri valori. E, se credete, mandateli affanculo.»
Il Domenicale, giornale fondato
da Marcello Dell'Utri

«Altai è una boiata, proprio come Q
Libero

«Non credo che al lettore giovane importi un cazzo di ciò che Wu Ming racconta o narra. Queste, tuttavia, sono le uniche categorie di lettori: professoresse donne, interessate a romanzi che hanno come trama uteri asportati e poi, nel caso della narrativa di tendenza giovanile, indiani d’America che lanciano frecce al curaro nel buco del culo del coprotagonista.»
Fulvio Abbate

«Venditori di inchiostro al dettaglio. I lettori di Wu Ming sono azionisti inconsapevoli di un’operazione più commerciale che culturale. I Wu Ming sono un'associazione a delinquere di stampo immaginario.»
Gian Paolo Serino, Il Giornale

«I Wu Ming si sono venduti da subito [...] Penso che in Italia molti autori che sono stati considerati particolarmente d’avanguardia avevano già un’idea molto precisa di entrare in certe condizioni nella grande editoria e quindi avevano l’idea di vendersi già da prima [...] Sul New Italian Epic debbo dire che a me sembra soltanto una presa per il culo. Uno studio recente ha dimostrato che in Italia esistono soltanto ottocentomila grandi lettori: ottocentomila persone vuol dire uno stadio italiano, non vuol dire chissà cosa.»
Un poeta con le idee un po' confuse
sulla capienza degli impianti sportivi

«Asserviti al mercato. Leghisti col calamaio. Una parodia dell’antipolitica applicata alla letteratura. Una versione (postmoderna) dello zdanovismo, o una declinazione letteraria della battaglia ratzingeriana contro il "relativismo culturale".»

«Un collettivo vetero-marxista che ha provato negli anni, senza riuscirci, a egemonizzare intellettualmente la sinistra radicale e le cui ricette su che cosa è la sinistra sembrano uscite da un'assemblea di studenti degli anni Settanta.»

«I "compagni" del blog wu ming (parola che significa "anonimo", bello, vero?) [...] sono diretti da una parte dei servizi e sono – loro si – assai ben foraggiati dall’area pd, la loro spedizione squadrista ad un nostro banchetto (nella quale hanno avuto la peggio) di ieri, fa parte di questa strategia concertata...»

«Sorrido della vostra spocchia arrogante.»

«Togliti la maschera e presentati con nome e cognome così che sappiamo chi sei - siete e da che giro siete comandati.»
Luigi Amicone, giornalista di Comunione e Liberazione

«L’Armata dei Sonnambuli» e altre storie


In libreria. Clicca per aprire
la copertina completa (pdf)

Immagine in alta definizione
da usare come "base" per locandine, poster, volantini ecc.

Rendez-vous con spoiler libero (Rigorosamente per chi ha già letto il libro!)

In quest'anno CCXXII dopo la Rivoluzione (corrispondente al 2014 dell'era cristiana), oltre a presentare il libro e suonare con il Contingent, stiamo portando in tour ben sei «reading-concerti» con diversi ensembles di musicisti. In ordine alfabetico:

L'Alfabeto delle orme (WM2 & Frida X)
Emilio Comici Blues (WM1 & Funambolique)
Quattro (WM2 & Frida X)
Razza partigiana (WM2 & supergruppo, in tour dal 2009)
Surgelati (WM2 & Contradamerla)
Zó bòt!!! (Cvasi Ming: WM1 & 2/3 degli Switters

Testimonianze sonore di questi progetti si trovano qui...

{Radio Giap Rebelde è il nostro podcast, la nostra audioteca. Reading, audiolibri, musiche, conferenze, presentazioni, interviste e quant'altro. Ci arrivi anche da iTunes.}

...e qui:

{Tutte le musiche ispirate ai nostri romanzi, da scaricare o ascoltare in streaming.
Yo Yo Mundi, Colle der Fomento, Mr. Phil, Klasse Kriminale, le chitarre dei Massimo Volume, Subsonica, Skinshout, Xabier Iriondo (Afterhours), Switters, Yu Guerra, le chitarre dei Nabat, Sikitikis, 2/9 dei Modena City Ramblers, Osteria Popolare Berica e tant* altr*}

I NOSTRI LIB(E)RI – DOWNLOAD



Ebook al popolo. Gratis.
Vive la classe ouvrière!

SOSTIENI IL PROGETTO WU MING E IL NOSTRO SBATTIMENTO ON LINE


Giap non è solo "il blog dei Wu Ming": è una comunità di lettori e scrittori. Qualcuno l'ha definito "una radio libera", altri lo descrivono come un punto di riferimento non solo culturale ma politico (nell'accezione più vasta del termine). Non sta a noi esprimerci su questo. Di sicuro, è un luogo del web dove si riesce a discutere. E a volte dalla discussione sono nati progetti concreti, sono partite "pratiche virtuose per il web".
Solo che gli anni passano, le vite si complicano e costa sempre più fatica, tempo e soldi gestire quest'enorme mole di attività. Sono centinaia di ore al mese. Lo facciamo per militanza, ma quando hai il fiato corto anche la militanza ne risente.
Quindi, bando alle timidezze: se credi che Giap sia importante, se pensi che il nostro lavoro on line e il nostro progetto nel suo complesso valgano un sostegno, un incoraggiamento, un feedback, un… “controdono” da parte tua, puoi usare PayPal per mandarci qualche scellino.
Non è nemmeno necessario avere la carta di credito, basta un conto corrente.
Un'altra opzione interessante è Flattr. Se non sai cos'è, lo spiegano qui.
Grazie.
P.S. Quello sulla moneta è Thomas Müntzer.

-

CHI SIAMO, COSA FACCIAMO

Pagina biografica vintage sul "sito archeologico" (narrante le vicende dagli anni Novanta al 2009)

Insieme delle nostre produzioni 1999-2011 - PDF
Mappa realizzata da Christo (non quello di Nazareth. L'amico nostro è di Isernia)

La voce di Wikipedia
(Alla data 29/12/2013, risulta alquanto obsoleta)

ULTIMI COMMENTI

  • Wu Ming 1 { Non saprei... Forse spendendo due parole sul fatto che il megaprogetto del quale la megarotonda era parte langue sul lastrico di un vicolo cieco, solita cattedrale nel solito deserto, per... } – Sep 30, 6:37 PM
  • massimo_zanetti { Interessantissimo, non vedo l’ora di leggerlo. Ho una domanda. Sono stati inseriti anche gli insuccessi? Anzi, la mia domanda è un’altra: sono stati inseriti anche i successi ma in contesti... } – Sep 30, 11:02 AM
  • g.savoini { condivido un vecchio pezzo del gruppo punk vicentino deezgrazia, visto che da Vicenza parte lo spunto di riflessione su EXPO. http://www.youtube.com/watch?v=8amMy9LCl6A l'EXPO in questione è, però, una discoteca ormai chiusa... } – Sep 29, 6:29 PM
  • wolfbukowski { Ps l idea di fare dei mercati contadini fuori da expo era intesa come iniziativa contro Expo. Forse sopra non era chiaro..... } – Sep 29, 5:08 PM
  • wolfbukowski { Da tempo, con compagni e compagne milanesi, si ragiona sul fatto che Expo è una sorta di buco nero semantico- nel senso che cattura tutto ciò che gli si avvicina.... } – Sep 29, 5:06 PM
  • Wu Ming 4 { L'AIST delle etichette ideologiche se ne impipperà alla stragrande, suppongo. Tra i soci fondatori c'è gente delle più disparate provenienze (ci sto perfino io, figurarsi!) e con visioni differenti del... } – Sep 29, 11:35 AM
  • Davide { Bene! Ma senza questa etichettatura destra/sinistra non se ne può più... solo Tolkien. E la Società Tolkieniana italiana (lo so, di dx) che dice? } – Sep 29, 11:23 AM
  • Giancarlo { Ottimo e abbondante, togliere alla destra uno dei suoi cavalli di battaglia che non si sa perchè debba essere suo, non può che essere positivo. Spesso mi son chiesto perchè... } – Sep 29, 11:09 AM
  • Lorenzo Declich { Un altro aggiornamento dalla frontiera curdo-siriana. https://tahriricn.wordpress.com/2014/09/28/kurdistansyria-anarchists-join-struggle-against-isis-in-kobane/ } – Sep 28, 3:25 PM
  • Armin Ferrari { Obbedisco e procedo con le impressioni ricevute! Premetto che purtroppo ho avuto modo di vedere il concerto solo in forma ridotta al Riverock festival di Castelnuovo d'Assisi. Unica data facilmente... } – Sep 26, 1:02 PM
  • Older »
We also have a blog in English.



Rarely updated, but
it's better than nothing.

Saint-Just
Persecuting trolls
since 1792
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato in base a tempistiche idiosincratiche e imperscrutabili. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n°62 del 7.03.2001. Inoltre, per quel giorno abbiamo un alibi. Le immagini inserite in questo blog sono spesso nostre rielaborazioni di cose pescate non ricordiamo dove; qualora la loro pubblicazione violentasse eventuali delitti d'autore, vogliate comunicarcelo e saranno tempestosamente rimosse.

Questo blog è aperto ai contributi e alle vedute di molti, ma non di tutti.
A condizione di non trollare, potete scrivere quel che volete, fatta salva la discriminante antifascista. Camerati e affini hanno molti altri luoghi dove spandere i loro liquami. Questo è uno spazio bonificato.