Resistenze in Cirenaica: le immagini di una serata memorabile, grazie a tutt*

Vag61, 22 gennaio 2016

Vag61, Cirenaica, Bologna. Sera del 22 gennaio 2016. Sullo schermo, il partigiano libico Omar al-Mukhtar. Creolizzare le resistenze. Clicca sulla foto per aprire la galleria di immagini. Clicca qui per ordinare il libro Resistenze in Cirenaica.

L’altra sera eravamo in tanti.
Abbiamo parlato delle guerre e resistenze di ieri e di della guerra che stiamo per fare oggi, l’ennesima guerra di Libia.
Abbiamo discusso, narrato, suonato, cantato, mangiato, bevuto. Qualcuno ha anche pianto.
Cinque ore insieme, senza che mai calasse l’attenzione. Erano rappresentate tutte le generazioni, dai 7 anni in su.
Abbiamo persino convinto le persone a non fumare dentro il centro sociale!

“Rubiamo” e vi proponiamo alcune delle tante parole ricevute via email e social network in queste ore.

«Mi scuso se non sono riuscito a salutare alcuni di voi, a darvi una mano a smontare… Sono dovuto scappar via. Un po’ per esigenze esterne, un po’ perché stasera, dopo la lettura, sarei volentieri scomparso – da buon fantasma – e mi sarei messo su un letto a guardare il soffitto e pensare a quello che abbiamo ri-raccontato. Non è stata una passeggiata pronunciare quelle parole: “Che cosa avete fatto?” Che cosa abbiamo fatto? Quando vi ho guardati da lì su, mi è stato tragicamente chiaro il motivo di quello che stava succedendo.
Ringrazio tutti ed ognuno, per l’onesto coraggio, la dedizione e la dignità.
Insomma…difficile trovare le parole. Volevo solo dirvi che per me stasera è stata roba forte.»

«Per via della mia tenera età, di cose nella mia vita ne ho viste tante, così come ho partecipato a tanti (mai troppi) progetti, molto diversi tra loro. Senza esagerare, questa di Resistenze in Cirenaica – e scusatemi per il mio taglio “agonistico” – è una storia da podio. L’ho visto dalle tante persone che ci hanno detto tante cose, l’ho sentito dal coinvolgimento che alleggiava sopra le tante teste che erano dentro la sala, me l’ha confermato la passione con cui xxxxx s’è scritto sull’agendina l’appuntamento del 26 giugno, per esserci assolutamente.»

«Desidero ringraziare tutt* quell* attiv* in Resistenze in Cirenaica e in particolare quell* coinvolt* nella serata di ieri sera al Vag61: bellissima serate, storie coinvolgenti, atmosfere emozionanti nel partecipare con un pubblico composito e inter-generazionale. Soprattutto, trovo efficace il concetto di “creolizzazione delle Resistenze”!!! Continuate così.»

Il libro che abbiamo presentato, Resistenze in Cirenaica, si può ordinare on line qui.

Federico Pozzoli

Federico Pozzoli, arabista, studia il modo in cui la letteratura libica ha raccontato il colonialismo italiano. Al Vag61 ha parlato del suo lavoro e spiegato perché nei racconti che ha tradotto i termini jihad – letteralmente «sforzo», ma in occidente diventa sempre «guerra santa» – e mujahiddin vadano resi con «resistenza» e «partigiani»… e viceversa, perché in traduzione araba i nostri partigiani possono tranquillamente essere chiamati mujahiddin.
Al termine della chiacchierata, Wu Ming 1 ha letto, nella traduzione di Federico, il racconto «Un chiodo per Mussolini» di Ali Mustafa al-Misrati, accompagnato dai suoni elettronici e acustici di Guglielmo Pagnozzi.

Paolo Fabbri

Valerio Monteventi e Mara Menna, accompagnati dal Bhutan Clan feat. Guglielmo Pagnozzi, raccontano la storia del partigiano Paolo Fabbri, che dà il nome alla via dove si trova il Vag61. La stessa via del celebre album di Guccini Via Paolo Fabbri 43.

Ci si rivede, sempre al Vag61, il 26 febbraio e il 21 aprile, anniversario della Liberazione di Bologna. La prossima giornata di racconti, musica e trekking urbano per le vie del rione Cirenaica sarà il 26 giugno. Segnatevi le date, dettagli a seguire.

Tutte le fotografie sono di Michele Lapini.

Scarica questo articolo in formato ebook (ePub o Kindle)Scarica questo articolo in formato ebook (ePub o Kindle)

Print Friendly, PDF & Email

Altri testi che potrebbero interessarti:

5 commenti su “Resistenze in Cirenaica: le immagini di una serata memorabile, grazie a tutt*

  1. […] #ResistenzeInCirenaica ha fatto un’altra volta il botto. Il VAG 61, lo spazio autogestito di via Paolo Fabbri, che ha ospitato i reading sonorizzati e gli spettacoli era murato e un resoconto di quello che è successo lo hanno già fatto egregiamente i cugini Wu Ming su Giap! […]

  2. Per chi non ha potuto esserci, ecco tutti gli audio, video, foto di Resistenze in Cirenaica, #Bologna, 22/01/2015.

  3. […] #ResistenzeInCirenaica ha fatto un’altra volta il botto. Il VAG 61, lo spazio autogestito di via Paolo Fabbri, che ha ospitato i reading sonorizzati e gli spettacoli era murato e un resoconto di quello che è successo lo hanno già fatto egregiamente i cugini Wu Ming su Giap! […]

Leave a Reply