Le #ScheggediShrapnel del Wu Ming Contingent, 2 | Il reumatismo del tenente

Gus Bofa, La baïonnette, copertina del n.87, 1917

Gus Bofa, La baïonnette, copertina del n.87, 1917

Prosegue la serie di post settimanali dedicati alle Schegge di Shrapnel e in particolare ai testi del nuovo album del Wu Ming Contingent.
Oggi vi proponiamo l’ottavo brano in scaletta, Il reumatismo del tenente.
Le parole sono tratte dal memoriale di Gino Frontali, La prima estate di guerra, pubblicato dalla casa editrice Il Mulino nel 1998 e oramai fuori catalogo.
Gino Frontali era nato ad Alessandria d’Egitto nel 1889. Laureato in medicina all’Università di Bologna, partecipò alla Prima Guerra Mondiale prestando servizio in prima linea, come sottotenente medico del 70° reggimento fanteria, brigata “Ancona”.
Nel 1916 sintetizzò la sua esperienza in un manuale pratico molto apprezzato, Il medico di battaglione. Dopo la guerra, si specializzò in pediatria e divenne uno studioso di fama internazionale. Morì a Roma nel 1963.
Dal suo diario non emergono posizioni di aperta critica all’impresa bellica, ma più volte si dimostra sbalordito dagli abusi di potere degli ufficiali e dal loro disprezzo per la truppa.

L’episodio qui raccontato si svolge nei mesi estivi del 1915, sul fronte del Cadore.

 Il reumatismo del tenente

Mentre passo da un ferito all’altro con un tremito di stanchezza alla gambe, coi calzoni inzuppati di sangue ai ginocchi, con le mani che sanno da carne cruda, mi pare impossibile arrivare a soccorrere tutti: non basteranno le fasce, le stecche, i lacci emostatici che ho con me.

Ed ecco mi viene incontro la figura ascetica del tenente Rossetti, con passo strascicato e con fare incerto, mi dice: “Sto male! Ho lasciato il comando del plotone al sergente, mi reggo in piedi a stento”. Poi procede a raccontarmi la lunga storia del reumatismo articolare acuto sofferto due anni addietro e conclude: “Non credi che bene prevenirlo, ricoverandomi all’ospedale?”

Io mi guardai attorno: v’erano feriti ancora non medicati che perdevano sangue, la distesi di quelli gravi era diventata imponente. E questo ufficiale volontario sceglieva quel momento per abbandonare il suo reparto e ragionava di prevenire un eventuale reumatismo.

(ringraziamo la casa editrice Il Mulino per averci concesso l’uso del testo)

Scarica questo articolo in formato ebook (ePub o Kindle)Scarica questo articolo in formato ebook (ePub o Kindle)

Print Friendly, PDF & Email

Altri testi che potrebbero interessarti:

2 commenti su “Le #ScheggediShrapnel del Wu Ming Contingent, 2 | Il reumatismo del tenente

  1. […] puntata (le altre qui e qui) per la serie di nove post dedicati ai testi di Schegge di Shrapnel, l’album del Wu Ming […]

  2. […] dedicato ai testi del disco, ritroviamo il sottotenente medico Gino Frontali, che già avevamo incontrato nella penultima traccia dell’album, Il reumatismo del tenente. Qui Frontali assiste un […]

Leave a Reply