23 dicembre 1990, la strage di via Gobetti. 25 anni di amnesia razzista a #Bologna

Lapide per Tatino e Patrizia

[23 dicembre 1990: i killer della Uno Bianca uccidono in via Gobetti. Un comunicato di Resistenze in Cirenaica, la proposta di una camminata e di un presidio civile.]

Sono passati 25 anni dalla strage al campo nomadi dell’ex Fornace Galotti, una delle imprese più truci della Banda dei fratelli Savi. Una delle date meno ricordate della scia di sangue lasciata dagli ex poliziotti. Resistenze in Cirenaica propone di ricordare le vittime davanti al Cippo all’ex Fornace Galotti.

23 dicembre 1990, dai lanci di agenzia si apprende una tragica notizia: «Assalto al campo nomadi di via Gobetti, alla periferia di Bologna, alle 8.15. Rodolfo Bellinati e Patrizia Della Santina sono rimasti uccisi. Feriti in modo grave: Sara Bellinati, una bambina di appena sei anni e Lerje Lluckaci, 34enne slava. Secondo una prima ricostruzione gli assalitori sarebbero giunti al campo a bordo di due auto, una Fiat Uno bianca ed una Lancia Y10. Dalle auto sono scesi due uomini, a volto scoperto e armati di pistola e mitra. Hanno sparato dagli otto ai quindici colpi, quattro dei quali fatali a Patrizia Della Santina. È stato invece un colpo sparato dal mitra ad uccidere Rodolfo Bellinati. Alcuni nomadi testimoniano la presenza nel campo di un uomo con un giubbotto poco prima dell’arrivo delle auto».

Pochi giorni dopo la sparatoria, un’abitante del campo, presente al momento dell’agguato, fu chiamata in Questura a testimoniare. Tra i poliziotti presenti in Piazza Galileo riconobbe uno degli aggressori: era Roberto Savi, ma nessuno le diede ascolto. Tutti uguali davanti alla morte, ma non davanti agli inquirenti: la testimonianza portata in quell’occasione fu ascoltata come si fa con un bambino che sostiene di aver visto il lupo mannaro.

Ai funerali dei due nomadi uccisi dai killer della Uno Bianca erano presenti poche centinaia di persone. Fu una vergogna per Bologna. In quel momento affiorò visibilmente l’indifferenza sociale e il razzismo perbenista alla petroniana. E il freddo di una giornata terribile e triste si trasformò subito in gelo: forse per i più non valeva rendere omaggio a due zingari “brutti sporchi e cattivi”.

La prima commemorazione che si tenne un anno dopo aveva come titolo «Per non dimenticare». Era un’esortazione già sentita in precedenza, per la strage del 2 Agosto alla Stazione, per i 12 studenti uccisi al Salvemini. Un impegno civile ridotto, nel migliore dei casi, a un semplice rituale. In effetti, a un anno di distanza, furono molto pochi quelli che si ricordarono di Rodolfo e Patrizia. Anzi, in quei 365 giorni, l’odio per gli zingari, ormai percepiti come uno “sciame di cavallette”, stava aumentando a dismisura. Il popolo nomade veniva ormai percepito come qualcosa di ingombrante, come un pericolo. Questo sentimento diffuso influenzò anche il padre di una delle vittime che, dopo quel 23 dicembre maledetto, propose alcune volte questa tesi: «Gli assassini si sono sbagliati. Hanno colpito noi al posto di altri, sparando nel mucchio, ma non avevamo fatto nulla. La gente del quartiere ci ha sempre rispettati. I killer volevano colpire gli slavi perché, forse, avevano compiuto qualche torto. Le persone, però, non distinguono più: siamo diventati tutti uguali. Non esiste più alcuna differenza tra noi italiani e gli slavi… Non sappiamo nulla sui responsabili dell’omicidio, neppure la magistratura è riuscita finora a scoprirli. Erano addestrati militarmente. Mio figlio è stato ucciso con un colpo alla testa». (Intervista tratta dalla rivista Mongolfiera del 20 dicembre 1991).

All’epoca, gli investigatori, tra le varie ipotesi ne formularono una che legava gli assalti agli accampamenti di Santa Caterina di Quarto (10 dicembre 1990) e di via Gobetti (23 dicembre 1990), riconducendoli alle attività illegali dei nomadi slavi. Dall’ottobre ‘89 al dicembre ’90, si diceva, erano stati compiuti in città molti furti di appartamenti. In quel periodo erano arrivati in Emilia-Romagna nuclei di slavi, provenienti da Torino e Roma, approdati in Italia alla fine degli anni ’70.

Quell’ipotesi, però, non spiegava come mai le stesse armi dei raid erano state utilizzate all’Ipercoop (il 22 dicembre 1990, due immigrati di colore feriti) e al Pilastro (il 4 gennaio 1991, tre carabinieri uccisi).

Solo nel 1994 si scoprì che dietro ai ventiquattro morti, ai centodue feriti, alle centotré azioni delinquenziali riconducibili alle gesta sanguinarie della “Banda della Uno bianca” (sette anni e mezzo di attività criminali e di terrore, dal 1987 al 1994), c’erano sì dei fanatici razzisti, dei rapinatori sanguinari, delle schegge impazzite di un disegno oscuro, ma quegli assassini erano cinque poliziotti, armati e senza scrupoli, che usavano le attrezzature di servizio, e, senza destare sospetto alcuno, lasciavano la loro scia di morte lungo le strade dell’Emilia-Romagna.

Roberto Savi

Roberto Savi detto “Il Corto” in una foto del 1996. Poliziotto della Questura di Bologna, fascista (un passato nelle organizzazioni giovanili dell’MSI), insieme ai fratelli Fabio e Alberto formava il nucleo della banda della Uno Bianca. Assassino per razzismo e per il puro gusto di uccidere. Più volte identificato da testimoni durante le indagini sui delitti della banda, ma collegato a questi ultimi solo nel 1994. Dopo il suo arresto, lo riconoscemmo anche noi: lo avevamo visto ad alcuni sgomberi di case occupate, ricordavamo anche una sua battuta sprezzante («Altro che acari, in quei materassi!»), e infatti lo ritrovammo in un paio di video girati da compagni.
Forse non tutti sanno che, dopo la strage del 23 dicembre 1990, qualche politico cercò di tirare in ballo i centri sociali, gli “autonomi” e quant’altro. A tali deliri si rispose con una protesta al consiglio comunale di Bologna, un corteo con le macchine post-apocalisse della Mutoid Waste Company e – soprattutto – una canzone, Stop al panico dell’Isola Posse All Stars. Alcuni versi oggi non sono più comprensibili, il pezzo raccontava il clima di quei mesi, l’umore di un milieu controculturale e antagonista che si sentiva minacciato e sotto assedio ma ebbe la lucidità di cogliere in quel che stava accadendo elementi di strategia della tensione. Che gli autori dei massacri fossero fascisti e forse membri delle forze dell’ordine fu ipotizzato in diverse assemblee di movimento e scritto su alcuni volantini già prima della strage del Pilastro. A pensar male si fa peccato ma… [WM]

Anche dopo i processi e le condanne, è rimasta oscura la ragione che ha spinto i fratelli Savi e i loro complici a compiere tanti crimini. Così come sono rimaste oscure le protezioni di cui hanno goduto.

C’è anche una domanda a cui non si è ancora riusciti a dare una risposta: chi c’era dietro a quella follia sanguinaria, chi ha protetto i protagonisti di una delle pagine più oscure della storia contemporanea del nostro paese?

In questi anni, quando le luci di scena sulle malefatte dei killer della Uno Bianca si sono abbassate, abbiamo continuato ad ascoltare molti luoghi comuni: «gli zingari sono tutti ladri, sono tutti bugiardi…» e via discorrendo. Ci siamo ricordati (giustamente) dei cittadini indifesi, dei benzinai, degli armaioli, dei carabinieri che hanno trovato la morte per mano della famigerata banda dei Savi. I familiari delle vittime e le Istituzioni ce lo hanno sempre fatto presente.

Ma della strage di via Gobetti, dove Patrizia e Rodolfo sono morti a causa della stessa regia, in molti si sono dimenticati. Rappresentanti istituzionali si sono fatti vedere a corrente alternata. Quanti anni sono che all’ex Fornace Gallotti non arriva un sindaco, così come va negli altri luoghi degli omicidi della Uno Bianca?

L’ultima volta che il Comune di Bologna ha fatto pesare la sua presenza in Via Gobetti è stato il 22 giugno 2006, quando le ruspe del sindaco Cofferati abbatterono e distrussero le roulotte e le baracche di un accampamento di rom rumeni, sorto nella stessa area in cui si verificò la strage.
Se non fosse stato per il vecchio presidente dell’Opera Nomadi Mario Salomoni, per il «fotografo degli zingari» Mario Rebeschini, per Monsignor Giovanni Catti e per un piccolo gruppo di compagni del movimento, anche la piccola cerimonia di ricordo che si è tenuta per diversi anni sarebbe sfumata.

In quel dicembre insanguinato del 1990 l’intento dei killer della Uno Bianca era l’eliminazione fisica e la correzione con il terrore di soggetti concepiti come diversi, non omologabili, nemmeno degni di essere ascoltati. A distanza di tanto tempo, sui siti e sulle pagine Facebook dei leghisti e dei razzisti di varia natura, si leggono ancora dei propositi che i fratelli Savi fecero diventare una macabra realtà.
In questi anni, poi, abbiamo assistito a un proliferare di tanti «muri della vergogna», di barriere di cemento, di fili spinati, di reticolati elettrificati, di guardie armate ai confini, di respingimenti in mare. Sono i muri nell’era della globalizzazione che delega il futuro ai fan delle «guerre preventive» e della democrazia esportata con la forza. Le frontiere sono guardate a vista, non fanno passare profughi e migranti, se ci provano arrivano a sparargli contro.

I costi umani di queste scelte politiche sono stati, per numero di decessi, simili a una guerra.
Alla fine, viene da dire: con tanti muri e recinzioni si ha la sensazione di essere tutti finiti chiusi in una gabbia, ma il guaio è che non si capisce più chi stia dentro e chi stia fuori.

Per queste ragioni, invitiamo il prossimo 23 dicembre, a 25 anni dalla strage dei fratelli Savi, a ritrovarci di fronte al cippo che ricorda quell’eccidio.

Due sono gli appuntamenti:

  • ore 12,30 Piazzetta Pasolini (di fronte al cancello del Lumière in via Azzo Gardino) per chi vuole arrivare in via Gobetti a piedi lungo il Navile (sono 3 km, ci si impiegano circa tre quarti d’ora);
  • ore 14,00 ritrovo all’ex Fornace Galotti (ingresso solo da Beverara, Museo del Patrimonio Industriale), al ponticello che scavalca il Navile. Il Cippo in ricordo delle vittime in via Gobetti è attualmente chiuso dentro il cantiere della nuova facoltà di Astronomia.

Vogliamo dar vita a un presidio “civile” per riprendere memoria e non scordarsi della scia di sangue lasciata dai killer in divisa della Uno Bianca. Per ricordare tutti i lutti provocati e non solo alcuni.

Perché non vogliamo perdere la memoria delle cose, facendole «uscire dalla nostra mente».

* Resistenze in Cirenaica è un cantiere culturale permanente che organizza serate, laboratori, workshop, campagne civiche. Perché di storie da raccontare ce ne sono tante e lo si è visto il 27 settembre 2015, quando una brigata di associazioni, centri sociali, fotograf*, registi* musicist* e varie umanità hanno fatto rivivere, in uno dei rioni più interessanti e peculiari di Bologna, storie di resistenza al colonialismo italiano e al nazifascismo. A Resistenze in Cirenaica partecipano: Spazi Aperti, Wu Ming, Kai Zen, Vag 61, Compagnia Fantasma, Bhutan Clan, Eat The Rich.

Scarica questo articolo in formato ebook (ePub o Kindle)Scarica questo articolo in formato ebook (ePub o Kindle)

Print Friendly, PDF & Email

Altri testi che potrebbero interessarti:

15 commenti su “23 dicembre 1990, la strage di via Gobetti. 25 anni di amnesia razzista a #Bologna

  1. Chi volesse aggiungersi alla camminata, anche dopo la partenza dal cinema Lumière, trova qui il percorso esatto:
    http://share.mapbbcode.org/arygf

    • Siete l’occhio vigile, la memoria storica e de facto e il lato migliore di questo Paese. Inquietante la chiusa del post, colpisce come un dritto di Alì in pieno volto.
      Solo un dettaglio: la strage del Pilastro è del 1991 non del 2001. E un PICCOLO dettaglio su Roberto Savi: da Wikipedia, questa volta attendibile “Roberto Savi possedeva una collezione di armi, regolarmente registrate, fra cui due Beretta AR 70[2], calibro 222 Remington, versione civile del fucile d’assalto Beretta AR70 calibro .223 Remington.
      Nelle prime fasi delle indagini la procura dispose che venisse compilata una lista dei cittadini dell’Emilia-Romagna possessori di AR 70, da cui risultarono una trentina di individui; da questo elenco emerse che anche Roberto Savi ne possedeva due. Savi, poiché l’arma non era conosciuta alla polizia bolognese, per facilitare il lavoro della scientifica portò ai colleghi uno dei suoi due fucili, quello nuovo che non aveva ancora sparato. Nessuno mai andò a controllare l’altro fucile che deteneva in casa”

      • Questo comunicato l’hanno letto e approvato decine di persone e nessuna, dico nessuna, si è accorta del refuso 1991 / 2011. Grazie, correggiamo subito.

        • Qualche volta, seppur raramente, anche Roberto Baggio e Maradona hanno sbagliato passaggi e tiri. Grazie a voi, il vostro Giap è la mia personalissima droga, tutto merito di un’amica che mi ha portato alla serata di presentazione de “L’armata dei sonnambuli”. Da allora in poi un crescendo beethoveniano di emozioni e di letture. Ringraziamenti da parte vostra e addirittura immortalato grazie alle foto della serata di Padova che avete recentemente pubblicato. Non male

  2. Ai tempi ero un ventenne residente in un brutto quartiere, la Barca. Ricordo dopo ogni omicidio le sirene delle volanti che sgommavano nella piazzetta vicina “al treno”, le perquisizioni, la rabbia degli agenti.

    Racconto un aneddoto che non c’entra, ma che invece nel mio immaginario c’entra. Pochi anni fa sono alla ricerca di un appartamento con la mia compagna; ne visito uno attratto dalla terrazza pubblicizzata nell’annuncio. La faccio breve: questa presunta terrazza è accessibile da due porte-finestra una delle quali è del vicino. Di fronte alle mie rimostranze il proprietario dice.”ma ci abita un poliziotto, può stare tranquillo”. Ecco che, dal profondo del mio vissuto, risalente a oltre venticinque anni prima, esce d’impeto la mia risposta che metterà tutti in imbarazzo: ” a Bologna abbiamo già visto di cosa sono capaci le forze dell’ordine. No, grazie”.
    Tra l’altro poi ho capito che il poliziotto era il fratello della tizia che proponeva l’appartamento…

  3. Ieri (domenica 20) si è tenuta una commemorazione dell’eccidio alla presenza del consigliere comunale Claudio Mazzanti, che è stato presidente del quartiere Navile fino a 5 anni fa.
    Nella galleria fotografica pubblicata sul sito del quotidiano La Repubblica, lo si riconosce con la fascia tricolore, accanto ad alcuni parenti delle vittime.
    Siamo felici che l’amministrazione non abbia dimenticato l’anniversario, pur dimostrando una certa trascuratezza: due mesi fa, per il ricordo di Primo Zecchi, anche lui ucciso dai fratelli Savi, c’erano sindaco, questore, prefetto, forze dell’ordine, presidente di quartiere e una classe di scuola elementare: http://www.altarimini.it/News82005-uno-bianca-25-anni-fa-uccidevano-primo-zecchi-la-vedova-nessun-perdono-per-killer.php
    Per Patrizia Della Santina e Rodolfo Bellinati, invece, nemmeno il giorno della cerimonia è quello esatto: anticipata di tre giorni, forse per non sovrapporsi troppo con vacanze, acquisti natalizi e preparativi di pranzi e cenoni.

  4. «Quell’ipotesi, però, non spiegava come mai le stesse armi dei raid erano state utilizzate all’Ipercoop (il 22 dicembre 1990, due immigrati di colore feriti) e al Pilastro (il 4 gennaio 1991, tre carabinieri uccisi)». Qualcuno invece la spiegazione l’aveva: alla conferenza stampa del ministro dell’interno Scotti, all’indomani della strage del Pilastro, uno dei giornalisti presenti “ipotizzò” in forma di domanda che la strage fosse legata al recente arresto di un presunto “re degli zingari”, e ai colleghi che lo guardavano in malomodo (mentre il ministro scuoteva la testa) aggiunse: io faccio le domande che si fa la gente.

    • Ricordi nome del giornalista e testata di appartenenza?

      • Purtroppo no, mi sembra di ricordare una testata locale di reggio Emilia, ma di solito non andavo io alle conferenze, pur lavorando in una testata radiofonica (ma per quell’evento rimescolammo gli organici in base a chi poteva) e non avevo dimestichezza con i giornalisti. Quella conferenza fu abbastanza surreale, io mi ero seduto proprio di fronte a Scotti perché quel posto era rimasto libero, e tutte le domande erano fuori calibro rispetto alla gravità dell’accaduto. Scotti sembrava quasi contento della possibilità di menare il can per l’aia, finché l’ultimo arrivato e quello con meno titolo, cioè io, quando si era quasi ai saluti gli chiese in faccia se come ministro escludeva l’ipotesi di un attentato di matrice politica: al che il ministro fu costretto a dire che non poteva escluderlo.

  5. Strage di via Gobetti, un resoconto del trekking urbano e del presidio, con foto, su ZIC.

  6. Strage di via Gobetti, audio del trekking urbano e del presidio.
    Ascolta
    Ecco quel che siamo riusciti a salvare della registrazione ambientale del 23 dicembre, tra rumori di ruspe e camion (proprio in quel punto c’è il cantiere del nuovo polo scientifico dell’Università), rombi di aerei che passavano a bassa quota (l’aeroporto è a poco più di un chilometro in linea d’aria) e interruzioni per cause di forza maggiore. Sono un po’ meno di 18 minuti, c’è l’intervento pre-camminata fatto in Piazzetta Pasolini da Wu Ming 2, poi c’è l’intervento di Valerio Monteventi in via Gobetti (con l’inizio troncato) infine c’è una parte delle letture di Wu Ming 2. Il file finisce bruscamente. Gli interventi del fotografo Mario Rebeschini, preziosi per chi era presente, nella registrazione erano praticamente inudibili. In ogni caso, buon ascolto.

  7. Grazie a questo post ho cercato in biblioteca (purtroppo è fuori catalogo) il libro di Spinosa “L’Italia della Uno Bianca”. Sconvolgente, quello che sappiamo è solo un’enorme menzogna, nè più nè meno della reazione che si ha leggendo i libri di Sergio Flamigni sul delitto Moro. Per citare solo l’eccidio del Pilastro non è nemmeno chiara la dinamica (proprio come in via Fani). Troppi buchi, troppi conti (anche dei bossoli) che non tornano, troppe persone che appaiono e scompaiono. Il tutto per trovare la quadratura del cerchio del clan criminale a conduzione familiare. Troppe cose che non sappiamo quindi. Una seconda strategia della tensione volta a ferire di nuovo una città piegata dal dolore della strage del 1980. Lo scopo? Il solito I mandanti? Ignoti.

  8. […] fine degli anni Ottanta, dentro la questura di Bologna si forma la banda della Uno Bianca, che commetterà diverse stragi, alcune motivate da odio razziale. Il capo è il […]

Leave a Reply