Henry Jenkins, #Occupy e la partecipazione come lotta. Audio dell’incontro di Bologna

Henry Jenkins ammira gli affreschi di Palazzo Marescotti - foto di Roberto Serra

Henry Jenkins ammira gli affreschi di Palazzo Marescotti (Foto di Roberto Serra)

Ecco la registrazione della conferenza tenuta da Henry Jenkins al DAMS di Bologna il 27 giugno scorso. Per facilitare l’ascolto, proponiamo un breve compendio del suo discorso.
Jenkins inizia elencando i progetti nei quali è attualmente coinvolto: nell’arco dei prossimi sei mesi usciranno ben quattro libri che lo vedono tra gli autori. I titoli riflettono l’ampio spettro dei suoi interessi. Oltre all’attenzione per le tematiche educative e legate all’istruzione, emerge – ed emergerà ancor più nel corso della conferenza – la torsione più esplicitamente politica che il suo lavoro sta conoscendo negli ultimi tempi.
La ripresa di attivismo politico-sociale sulle due sponde dell’Atlantico e l’irruzione sulla scena USA di un movimento come Occupy Wall Street (Jenkins lo cita più volte nell’intervento iniziale e nelle risposte alla domande) hanno retroagito sulle teorie del professore, che per molti versi, studiando la cultura dei fan, ne aveva intuito l’avvento, le modalità partecipative e le pratiche di riappropriazione e remix delle immagini mediatiche. Tra gli esempi più icastici che mostrerà nel corso dell’incontro, spicca il Casually Pepper Spray Everything Cop.

Dopo la breve intro, Jenkins propone un’articolata analisi della parola “contenuto”. E’ una parola sempre più usata nell’industria culturale e dell’intrattenimento, ma il suo significato viene dato per scontato, mentre di scontato non c’è più nulla. La realtà che il termine descrive sta subendo radicali trasformazioni.  Ben presto, il contenuto come l’abbiamo conosciuto fino a oggi non esisterà più.

Non è possibile “chiudere a chiave” [lock down] il contenuto, esso non conosce più luoghi esclusivi né versioni definitive, non viene prodotto una volta per tutte per essere trasmesso a un pubblico che si limita a riceverlo e fruirlo nei modi che ci erano consueti. Il contenuto non è più definibile senza prendere in considerazione l’uso che ne viene fatto dal “pubblico”, i riutilizzi da parte della comunità. Oggi il contenuto è aperto, partecipato, rimixabile, “spalmabile” [spreadable] su diverse piattaforme, potenzialmente globale (sebbene il suo varcare le frontiere geoculturali avvenga in modi imprevedibili) e transmediale.

Jenkins precisa che con l’aggettivo “transmediale” indica l’insieme delle relazioni che si creano tra gli elementi di una narrazione che vengono “dispersi” tra i vari media. Perché si possa parlare di transmediale, la dispersione deve avvenire in modi significativi, cioè che producono ulteriore senso. Ciò riguarda tanto l’insieme quanto i singoli elementi considerati ciascuno per conto proprio. Un film tratto da un romanzo non è un esempio di transmedialità; lo sarebbe invece un film che proseguisse e arricchisse la storia iniziata in un romanzo, per poi passare il testimone a un fumetto, a un gioco di ruolo etc.
A un certo punto, Jenkins indica gli affreschi, gli altorilievi e le statue dell’ex-salone da ballo di Palazzo Marescotti, e definisce quell’insieme un esempio di transmedialità “di un’epoca precedente alla nostra” [gli affreschi di Giuseppe e Antonio Rolli risalgono alla fine del XVII secolo, quelli di Giuseppe Antonio Caccioli ai primi del XVIII, N.d.R.]. I soggetti mitologici dei dipinti fanno riferimento a storie iniziate altrove e con altri mezzi (i poemi epici, il teatro tragico), storie che a loro volte vengono riprese dalle sculture, e ogni elemento è in risonanza con gli altri. “Non è necessario che il transmediale sia digitale”.
Altri – non lui – utilizzano il termine “crossmediale”, che però non descrive lo stesso fenomeno. Secondo Jenkins, “crossmediale” si riferisce a strategie di marketing e campagne di promozione predisposte dall’industria dei media, mentre “transmediale” si riferisce a una narrazione che prosegue nel tempo attraverso diversi media con la partecipazione attiva (e molto spesso con la spinta iniziale) di una o più comunità di fan.

Secondo Jenkins, anche le lotte sindacali [labor struggles] nell’industria culturale avvengono in uno scenario mutato e riplasmato dal transmediale. Ne è un esempio lo sciopero degli autori avvenuto a Hollywood qualche anno fa. L’oggetto del contendere era se i contenuti on line andassero considerati mera “promozione” o ulteriore contenuto da remunerare.

Jenkins fa ulteriori e importanti precisazioni terminologiche, o meglio, concettuali:

1. “Cultura partecipativa” non è sinonimo di “web 2.0″ e nemmeno di “prodotti interattivi”. “Web 2.0″ è un modello di business, “interattività” è una dimensione predeterminata e preincorporata dall’industria nei suoi prodotti, mentre la partecipazione nasce dal basso e per iniziativa degli utenti, del “pubblico”, dei fan, dei riappropriatori e remixatori. E spesso la partecipazione è strappata dai fan con le unghie e coi denti, contro le pretese dell’industria di predeterminare il rapporto. L’esempio sono le proteste degli utenti dei social network contro le norme di utilizzo, le politiche sulla privacy etc. Jenkins dice (e la definizione ci sembra davvero significativa): “La cultura partecipativa è la storia delle lotte sulle diverse piattaforme mediali”. Questa dimensione conflittuale è stata più volte sottolineata. Ci preme rimarcarlo, perché a volte Jenkins è stato semplicisticamente descritto come un ottimista, mentre è uno studioso delle contraddizioni e delle battaglie in corso nell’industria dei media (non ci sembra fortuita la sua menzione di Karl Marx in una delle risposte fornite a Palazzo Marescotti). Battaglie il cui esito non è scontato.

2. “Virale” è una parola da non usare, da evitare, perché implica che la comunità degli utenti sia un mero oggetto di contagio, l’insieme dei ricettori di un virus. L’aggettivo “virale” inquadra la situazione nel modo sbagliato, rimettendo la palla in mano all’industria dei media, ridando potere a quest’ultima.

3. “Consumatori” è un’altra parola che dovremmo sforzarci di non usare, di superare, perché oggi è difficilissimo distinguere in modo netto l’atto del “consumo” da quello di un’ulteriore produzione di contenuto.

4. “Circolazione” e “distribuzione” non sono affatto la stessa cosa: la distribuzione di un prodotto dipende dalle scelte dell’industria, mentre la sua circolazione dipende dalle scelte della comunità degli utenti.

5. Oltre a essere “spalmabile”, un contenuto di successo dev’essere anche “trivellabile” [drillable], ovvero: a partire da esso devono essere possibili molteplici approfondimenti, un “andare a fondo” che precisa e arricchisce il messaggio. L’esempio negativo fornito da Jenkins è la recente campagna Kony2012, il cui contenuto era certamente spreadable ma non certo drillable, dato che tutto si fermava alla superficie di un messaggio semplicistico. I realizzatori del video non hanno fornito alcuna chiave o possibilità di approfondire e saperne di più sull’argomento: il sito web era molto povero, lo staff scarsamente preparato etc.

La parte delle domande & risposte è densa e piena di spunti. Parlando del Tea Party, Jenkins spiega che non tutto ciò che viene “dal basso” è per forza buono e progressista: esistono processi “dal basso” nocivi e culture partecipative reazionarie, negli USA come in Europa.
[Compendio a cura di Wu Ming 1]

E ora, buon ascolto! Per scaricare il file, cliccare sulla freccia puntata verso il basso.

HENRY JENKINS | HOW CONTENT GAINS MEANING AND VALUE IN THE AGE OF SPREADABLE MEDIA – 1h 13′
HENRY JENKINS | HOW CONTENT GAINS MEANING AND VALUE IN THE AGE OF SPREADABLE MEDIA – 1h 13′

QUESTIONS & ANSWERS – 32′ 58″
QUESTIONS AND ANSWERS – 32’58″

Un altro resoconto della conferenza è leggibile qui:
Alberto Sebastiani, “Henry Jenkins e la cultura partecipativa”

Altri testi che potrebbero interessarti:

Henry Jenkins a Bologna. Cogliamo l'occasione per...
Da #OccupyGezi ai #NoTav e oltre: non esistono lotte «locali» - di Serge Quadruppani e Wu Ming
Per il Capodanno e l'Epifania, il gioco di carte tratto da Q. Buon 1549!
Share
Versione stampabile / Print this post flattr this!

3 commenti Scrivi un commento
  1. “How content gains meaning and value in the age of spreadable media”. Una conferenza di Henry Jenkins al Dams di Bologna. « ornellacostanzo says:

    [...] Se volete approfondire leggete il bel compendio che ha fatto della conferenza Wu Ming 1 [qui] [...]

  2. Wu Ming: dati di vendita dei nostri libri al 31/05/2012 + riflessione | Giap says:

    [...] Jenkins aggiunge che i processi di socializzazione gratuita delle narrazioni sono ormai troppo diffusi perché si possa pensare (e guai a farlo!) a nuove recinzioni. In parole povere: i nostri ebook sono da sempre scaricabili gratuitamente, e gratuiti rimarranno. Per noi è un atto politico e di militanza culturale. [...]

  3. Wu Ming says:

    Henry Jenkins – How I Spent My Summer Vacation (Hungary and Italy)
    http://henryjenkins.org/2012/08/how-i-spent-my-summer-vacation-hungary-and-italy-again.html

«Ribellarsi è giusto: ma bisogna farlo bene, saperlo fare bene, imparare a saperlo fare bene, e questo è il compito di una vita.» (Mario Tronti)

Siamo gli autori di Q, 54, Manituana, Altai e svariati altri libri. E' uscito da poco il nostro nuovo romanzo L'Armata dei Sonnambuli.
Con il nome «Wu Ming Contingent» siamo anche una punk-rock band. Il nostro album Bioscop - tematicamente collegato a L'Armata dei Sonnambuli - esce il 18 aprile.
Il sito wumingfoundation.com, nelle sue varie incarnazioni, è on line dal gennaio 2000.
Giap è il nostro blog, ma è anche una comunità di lettrici e lettori, ed è molte altre cose.

***
Il nostro indirizzo email è:
wu_ming presso wumingfoundation.com
Da usare con parsimonia e criterio.
Siamo anche su Twitter.

L'Armata dei Sonnambuli
In libreria. Clicca per aprire
la copertina completa (pdf)

Calendario delle presentazioni
Aprile - Luglio 2014

(Germinale - Messidoro CCXXII)

Immagine in alta definizione
da usare come "base" per
locandine, poster, volantini ecc.


Oggi è il

Data Rivoluzionaria

HANNO DETTO DI NOI

«Come facciano questi cani sciolti italiani a ottenere narrativa di tale potenza e complessità da un lavoro collettivo resta un enigma, ma possano i loro tamburi suonare a lungo.»
The Independent

«In letteratura, quattro cervelli messi insieme per scrivere un'opera fanno zero. Forse anche meno [...] Una macedonia di fumetti, vecchi film, spezzoni di fiction, sceneggiature ingiallite, elenchi telefonici stranieri, dipinti d'epoca e imitazioni di salgariani impazziti.»
Avvenire

«E poi, come diavolo scriveranno a dieci mani i favolosi cinque? Capitan Sovietico scrive un capitolo e SuperGuevara un altro? Oppure scrive tutto l'Uomo Maoista e gli altri fanno l'editing? »
Libero

«Come diceva Ernesto Calindri in un celebre Carosello anni Sessanta: "Dura Ming! Non dura, non può durare…".»
R. Chiaberge, Il Sole 24 Ore

«Non leggete L'eroe imperfetto di Wu Ming 4. Basta coi finti sperimentali.»
A. D'Orrico, Sette/Corriere della sera

«I Wu Ming stanno con Al-Qaida, il cui obiettivo siamo noi e fa di Hitler un dilettante. Fate sentire la vostra voce, i vostri valori. E, se credete, mandateli affanculo.»
Il Domenicale, giornale fondato
da Marcello Dell'Utri

«Altai è una boiata, proprio come Q
Libero

«Non credo che al lettore giovane importi un cazzo di ciò che Wu Ming racconta o narra. Queste, tuttavia, sono le uniche categorie di lettori: professoresse donne, interessate a romanzi che hanno come trama uteri asportati e poi, nel caso della narrativa di tendenza giovanile, indiani d’America che lanciano frecce al curaro nel buco del culo del coprotagonista.»
Fulvio Abbate

«Venditori di inchiostro al dettaglio. I lettori di Wu Ming sono azionisti inconsapevoli di un’operazione più commerciale che culturale. I Wu Ming sono un'associazione a delinquere di stampo immaginario.»
Gian Paolo Serino, Il Giornale

«I Wu Ming si sono venduti da subito [...] Penso che in Italia molti autori che sono stati considerati particolarmente d’avanguardia avevano già un’idea molto precisa di entrare in certe condizioni nella grande editoria e quindi avevano l’idea di vendersi già da prima [...] Sul New Italian Epic debbo dire che a me sembra soltanto una presa per il culo. Uno studio recente ha dimostrato che in Italia esistono soltanto ottocentomila grandi lettori: ottocentomila persone vuol dire uno stadio italiano, non vuol dire chissà cosa.»
Un poeta con le idee un po' confuse
sulla capienza degli impianti sportivi

«Asserviti al mercato. Leghisti col calamaio. Una parodia dell’antipolitica applicata alla letteratura. Una versione (postmoderna) dello zdanovismo, o una declinazione letteraria della battaglia ratzingeriana contro il "relativismo culturale".»

«Un collettivo vetero-marxista che ha provato negli anni, senza riuscirci, a egemonizzare intellettualmente la sinistra radicale e le cui ricette su che cosa è la sinistra sembrano uscite da un'assemblea di studenti degli anni Settanta.»

«I "compagni" del blog wu ming (parola che significa "anonimo", bello, vero?) [...] sono diretti da una parte dei servizi e sono – loro si – assai ben foraggiati dall’area pd, la loro spedizione squadrista ad un nostro banchetto (nella quale hanno avuto la peggio) di ieri, fa parte di questa strategia concertata...»

I NOSTRI LIB(E)RI – DOWNLOAD



Ebook al popolo. Gratis.
Vive la classe ouvrière!

SOSTIENI IL PROGETTO WU MING E IL NOSTRO SBATTIMENTO ON LINE


Giap non è solo "il blog dei Wu Ming": è una comunità di lettori e scrittori. Qualcuno l'ha definito "una radio libera", altri lo descrivono come un punto di riferimento non solo culturale ma politico (nell'accezione più vasta del termine). Non sta a noi esprimerci su questo. Di sicuro, è un luogo del web dove si riesce a discutere. E a volte dalla discussione sono nati progetti concreti, sono partite "pratiche virtuose per il web".
Solo che gli anni passano, le vite si complicano e costa sempre più fatica, tempo e soldi gestire quest'enorme mole di attività. Sono centinaia di ore al mese. Lo facciamo per militanza, ma quando hai il fiato corto anche la militanza ne risente.
Quindi, bando alle timidezze: se credi che Giap sia importante, se pensi che il nostro lavoro on line e il nostro progetto nel suo complesso valgano un sostegno, un incoraggiamento, un feedback, un… “controdono” da parte tua, puoi usare PayPal per mandarci qualche scellino.
Non è nemmeno necessario avere la carta di credito, basta un conto corrente.
Un'altra opzione interessante è Flattr. Se non sai cos'è, lo spiegano qui.
Grazie.
P.S. Quello sulla moneta è Thomas Müntzer.

-

COLONNE SONORE & RADIO GIAP REBELDE


Tutte le musiche ispirate ai nostri romanzi, da scaricare o ascoltare in streaming.
Yo Yo Mundi, Colle der Fomento, Mr. Phil, Klasse Kriminale, le chitarre dei Massimo Volume, Subsonica, Skinshout, Xabier Iriondo (Afterhours), Switters, Yu Guerra, le chitarre dei Nabat, Sikitikis, 2/9 dei Modena City Ramblers, Osteria Popolare Berica e tant* altr*.
Radio Giap Rebelde è il nostro podcast, la nostra audioteca. Reading, audiolibri, musiche, conferenze, presentazioni, interviste e quant'altro. Ci arrivi anche da iTunes.

CHI SIAMO, COSA FACCIAMO

Pagina biografica vintage sul "sito archeologico" (narrante le vicende dagli anni Novanta al 2009)

Insieme delle nostre produzioni 1999-2011 - PDF
Mappa realizzata da Christo (non quello di Nazareth. L'amico nostro è di Isernia)

La voce di Wikipedia
(Alla data 29/12/2013, risulta alquanto obsoleta)

ULTIMI COMMENTI

  • massimo_zanetti { l'ho trovato, che emozione. l'altro ieri, in libreria mondadori dell'aereoporto, solo 2 copie presenti (e una è la mia!!). Lo so, non è molto indipendente come libreria, ma mi serviva... } – Apr 17, 11:42 AM
  • Wu Ming 1 { Beh, no, non era stata annunciata, non con tutti i crismi, altrimenti non si capirebbero le reazioni. Due precisazioni: se per "seguito di Q" intendi Altai, faccio notare che quasi... } – Apr 17, 10:55 AM
  • AndrSci { Ma scusate, questa cosa non era già stata annunciata? E il trauma non l'avevamo già avuto e metabolizzato qualche settimana fa? Che poi, "l'ultima volta che scriviamo così" può significare... } – Apr 17, 7:53 AM
  • Spinta Dal Bass { Oggi sono arrivate molte adesioni all'appello, fra le altre quella di Ascanio Celestini, e poi giornalisti, artisti, professori, qualche parlamentare, ma soprattutto tante e tanti solidali. L'elenco, che cercheremo di... } – Apr 17, 12:24 AM
  • Paul Olden { Gente, stavo pensando che in questo libro succedono cose anche mentre sta sul comodino. Quindi vado a leggerle... (poi mi piacerebbe proprio parecchio essere presente a una presentazione, spero vivamente... } – Apr 17, 12:08 AM
  • wfm_83 { Finalmente ho iniziato a leggere il libro. Wow!, molto bello. Ho perso la presentazione di stasera a Venezia, ma spero di poter rimediare ad Asolo. Ma prevedete un premio per... } – Apr 16, 11:29 PM
  • Lo.Fi { Eh anch'io nel leggere il post ho strabuzzato gli occhi - lo confesso. Colpa della citazione di Cary Grant, credo. Se il nuovo corso sarà quello tracciato da Timira e... } – Apr 16, 2:35 PM
  • rpaura { Penso non sia un caso... la Rivoluzione francese sta tornando di grande attualità. E' un evento storico con il quale siamo tutti costretti prima o poi a fare i conti... } – Apr 16, 11:07 AM
  • Wu Ming 1 { Grazie, tutto centrato, condivisibile e lusinghiero, però... ...però arriva fino in fondo, Vecio! :-) } – Apr 16, 10:36 AM
  • VecioBaeordo { Lo so che bisognerebbe parlare dei libri solo dopo averli finiti. So anche per esperienza che la prima lettura, almeno per me, è sempre "bulimica" e rende difficile capire il... } – Apr 16, 10:18 AM
  • Older »
We also have a blog in English.



Rarely updated, but
it's better than nothing.

Saint-Just
Persecuting trolls
since 1792
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato in base a tempistiche idiosincratiche e imperscrutabili. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n°62 del 7.03.2001. Inoltre, per quel giorno abbiamo un alibi. Le immagini inserite in questo blog sono spesso nostre rielaborazioni di cose pescate non ricordiamo dove; qualora la loro pubblicazione violentasse eventuali delitti d'autore, vogliate comunicarcelo e saranno tempestosamente rimosse.

Questo blog è aperto ai contributi e alle vedute di molti, ma non di tutti.
A condizione di non trollare, potete scrivere quel che volete, fatta salva la discriminante antifascista. Camerati e affini hanno molti altri luoghi dove spandere i loro liquami. Questo è uno spazio bonificato.