Ailanto, l’albero maudit che porta il paradiso fra il cemento

Ailanto a Bologna.

Bologna, imbocco di via di S. Luca, dall’altra parte rispetto al portico. Una fila di ailanti, come pellegrini verso il santuario.

Segnalazione rapida: un poderoso post di Filo Sottile sul blog di Alpinismo Molotov. Cosa fare dell’ailanto, pianta immigrata odiata dagli xenofobi? È dappertutto, toglie lavoro alle piante italiane, puzza pure, stop invasione!
Ma davvero è «dappertutto»? E queste foreste clandestine che spuntano all’improvviso nelle aree dismesse, che nascono dalla nostra incuria, che riempiono di fronde il nostro abbandono, sono davvero un problema? Lo sono sempre?
Alberismo Molotov! Passeggiata nelle libere repubbliche del regno vegetale. Un ossimoro fertile sul quale crescono ailanti.
Commenti di là, grazie.

Scarica questo articolo in formato ebook (ePub o Kindle)Scarica questo articolo in formato ebook (ePub o Kindle)

Print Friendly, PDF & Email

Altri testi che potrebbero interessarti: