Nessuno tocchi il Pinochet d’Egitto, ovvero: fuffa e depistaggi sulla morte di Giulio Regeni

Vignetta di Carlos Latuff sul caso Regeni

di Lorenzo Declich (*)

Apriamo e chiudiamo, definitivamente, il discorso delle ipotesi fatte attorno alla morte di Giulio Regeni e alle sue cause.
Lo apriamo e lo chiudiamo perché:

1. Abbiamo già tutte le informazioni sufficienti per definirlo un assassinio di Stato: chiunque voglia riaprire questa partita, dopo l’autopsia, lo farà per alzare polveroni, confondere le acque. L’unica cosa che ancora non sappiamo, perché ancora non sono arrivate le analisi che stabiliranno più o meno l’ora del decesso, è quanto lunga sia stata l’agonia di Regeni (l’unica cosa che avvalorerebbe le ultime tesi egiziane è una morte avvenuta quasi subito). Laddove, e qui contano anche i testimoni oculari, più fonti dicono che Regeni fu ucciso dopo una lunga agonia. Si sono fatte delle ipotesi sul fatto che la morte possa essere avvenuta fra il 27 e il 30 gennaio, ossia dai due ai cinque giorni dalla scomparsa di Regeni.

In questa brevissima analisi sono molto importanti i tempi. I prima e i dopo. L’asse diacronico è determinante in molti sensi, perché individuare il punto in cui è successa o non è successa una cosa fa chiarezza su cosa sia fondato e cosa meramente dietrologico, e sul punto dell’asse del tempo in cui è bene concentrarsi.

2. A pochi giorni dalla morte di Regeni la ridda di congetture – depistanti o meno, volontariamente o involontariamente depistanti – sui motivi per cui Regeni è stato ucciso sono più o meno tutte sul tappeto. In altre parole: ne hanno già dette di tutti i colori, compresi i complotti planetari. E gli amanti di Le Carré, cioè di un mondo scomparso, hanno già dato il meglio.

Renzi e al-Sisi

A Barricade of Bullshit: qualunque cosa pur di lasciare in pace Al Sisi

Tenendo conto che al momento la versione egiziana è che Regeni non sia mai stato arrestato – la qual cosa suona davvero come una presa per i fondelli – ed escludendo quelli che ancora dicono «potrebbe essere stato un incidente» o «è stata una rissa a una festa», la teoria che va per la maggiore è:

A. «Regeni è stato torturato e ucciso perché qualcuno vuole minare i rapporti fra Italia ed Egitto.»

Questo qualcuno sarebbe:

1. Il servizio segreto in concorrenza col servizio segreto militare.

Per Bonini e Foschini di Repubblica, ad esempio: «L’American University del Cairo, dove Giulio era ricercatore, è da tempo oggetto dell’attenzione del Mukhabarat, il Servizio segreto egiziano che fa capo al Ministero dell’Interno. Un apparato chiave del regime di Al Sisi. Ma in feroce concorrenza con i servizi segreti militari (dai cui ranghi proviene il generale e oggi presidente Al Sisi) e i Servizi di Informazione della Polizia. “L’intervento di Al Sisi ha sbloccato la macchina amministrativa” ha detto ieri l’ambasciatore Maurizio Massari. Dopo l’incontro del presidente egiziano con il ministro Guidi, Regeni è stato ritrovato in quel fosso, mezzo nudo, con i media che parlavano di un incidente stradale. Tutti pezzi farlocchi di uno stesso puzzle. Giulio, lo scienziato scambiato per una spia, potrebbe essere stato giustiziato per una guerra che non era la sua»

2. Qualche settore deviato della polizia o dei servizi segreti civili o militari.

Per TGcom24: «È possibile, dicono fonti dell’intelligence italiana, che Giulio abbia incontrato alcuni ragazzi pronti a manifestare. E che qualcuno, magari pezzi deviati dalla polizia egiziana, abbia deciso di punirli prima che scendessero in piazza».

Il Mattino titola così: «Regeni ucciso da agenti fuori controllo. Chi l’ha ammazzato si è subito disfatto del corpo, smentita versione ufficiale.».

Si noti, anche, come alcuni – per accreditare questa ipotesi – facciano interpolazioni indebite usando fonti secondarie. Liguria Oggi apre così: «Giulio Regeni torturato ed ucciso dai servizi ‘deviati’ delle autorità militari egiziane. È il sospetto rilanciato dal giornale Il manifesto per il quale il giovane studente friulano scriveva, sotto pseudonimo, dal Cairo». Laddove Il manifesto non lancia questo sospetto, anzi pubblica un valido articolo di Calculli e Strazzari sulle responsabilità del regime in quanto tale (vedi oltre).

3. Le infiltrazioni dei Fratelli Musulmani nella polizia o nei servizi segreti.

Per Andrea Purgatori, sull’Huffington Post: «Negli ambienti di governo egiziani sta già cominciando a circolare la voce tutta autodifensiva che questo delitto abbia sì un connotato politico, ma nella forma di una trappola organizzata da pezzi degli apparati di polizia o del Mukhabarat legati all’opposizione (i Fratelli musulmani) per sabotare le relazioni con l’Italia e in particolare il nostro ruolo nel negoziato tra Tripoli e Tobruk.»

Toni Capuozzo su Libero: «Mi pare più probabile che alcuni gruppi organici ai Fratelli musulmani o comunque all’ opposizione fondamentalista ad al-Sisi lo abbiano scambiato per una spia.»

Ci sono varianti. Regeni per alcuni sarebbe stato:

A. Un agente segreto italiano (cfr. Marco Gregoretti e Il Giornale)

B. Un agente segreto inglese o americano (ampia scelta tra fonti mainstream e del sottomondo cospirazionista: Corriere della Collera; Blondet; Il Giornale; La Stampa)

Nel caso A si prefigurerebbe una guerra sotterranea fra Italia ed Egitto, in cui l’Egitto combatte contro “ingerenze italiane”; nel caso B il qualcuno di cui sopra sarebbe:

4. La polizia, ben conscia del fatto e intenzionata a proteggere i rapporti Italia-Egitto.

Si noti: anche quando si punta il dito sull’Italia tutte le ipotesi mettono in qualche modo al riparo al-Sisi. Anche nel caso di Regeni agente segreto italiano la colpa principale sarebbe degli italiani, che mandano le loro spie in Egitto (a fare non si sa bene cosa).

Ultima arrivata, sempre su questa scia che salva al-Sisi, è la cosiddetta «pista dei sindacati». Scrive Francesco Grignetti in un articolo uscito su La Stampa e su Il Secolo XIX: «c’è una nuova ipotesi su cui si ragiona nel caso Regeni: e se la mano assassina fosse riconducibile a un “servizio d’ordine” dei sindacati indipendenti? La pista privilegiata degli italiani riguarda qualche squadraccia del regime, magari in rotta con le cordate al potere oggi […], ma non si esclude nemmeno l’ipotesi opposta, ovvero che l’interessamento del giovane Giulio avesse insospettito qualcuno tra i suoi interlocutori privilegiati».

Andando di questo passo anche l’ipotesi di un attacco alieno diventa plausibile.

Queste sono tutte dietrologie. Il fatto è avvenuto prima. È il punto del tempo dal quale le analisi partono a essere sbagliato.

al-Sisi e Renzi

Quando Regeni era ancora vivo, cosa si è fatto per salvarlo?

Il fatto è accaduto il 25 gennaio. Dalla data della scomparsa a quella del ritrovamento sono passati 9 giorni. In quei 9 giorni qualcosa è successo. Anzi, in quei 9 giorni qualcosa è non-successo: l’Italia ha mosso poco più di un dito per ritrovare Giulio Regeni. Il 31 gennaio, laconicamente, il Ministero degli esteri italiano emana questo comunicato:

«L’Ambasciata d’Italia al Cairo e la Farnesina stanno seguendo con la massima attenzione e preoccupazione la vicenda di Giulio Regeni, studente italiano di 28 anni sparito misteriosamente la sera del 25 gennaio nel centro della capitale egiziana.
Il Ministro degli Affari Esteri Paolo Gentiloni ha avuto poco fa un colloquio telefonico con il suo omologo egiziano Sameh Shoukry, al quale ha richiesto con decisione il massimo impegno per rintracciare il connazionale e per fornire ogni possibile informazione sulla sue condizioni.
L’Ambasciata al Cairo, sin dalle prime ore dalla sparizione, ha subito attivato canali di comunicazione diretta e una stretta attività di coordinamento con tutte le competenti Autorità egiziane, ed è in attesa di ricevere elementi sulla dinamica della sparizione. Ambasciata e Farnesina sono anche in stretto contatto con i genitori di Giulio.»

Ecco qui il centro della storia: quando Regeni era presumibilmente ancora vivo, l’Italia ha fatto sapere di aver compiuto tutti i passaggi “rituali” necessari per cercarlo. In questo modo non ha sfigurato, niente di più. Come dice Gennaro Carotenuto:

Giulio Regeni

Giulio Regeni

«Quanta pressione la Farnesina e il governo italiano hanno messo sul governo egiziano in quei nove interminabili giorni nei quali Giulio agonizzava nelle mani degli aguzzini? Quanti titoli sui giornali ci sono stati sulla sua sparizione dal 25 gennaio al 3 febbraio, mentre il supplizio di questo ragazzo italiano si compiva? Perché finché era in vita non è diventato un caso nazionale? Quanta pressione ha messo l’opinione pubblica sui giornali e sulla politica perché in ognuno di quei nove lunghissimi giorni è stato possibile salvargli la vita e non è stato fatto? Perché Giulio Regeni non è diventato il fratello e il figlio di tutti, come lo diventò Valeria Solesin assassinata il 13 novembre al Bataclan di Parigi? Perché non era un Marò o un giornalista con l’articolo uno, ma un lavoratore precario della ricerca nelle neglette scienze umane e sociali? Era uno che se l’è cercata, che faceva un’inutile ricerca su chissà chi, stando a spasso per il mondo a spese del governo inglese? Perché il detenuto-desaparecido Giulio Regeni non era importante e il morto ammazzato Giulio Regeni lo è almeno in parte diventato?»

Sorrisoni tra Renzi e al-Sisi

He’s our son of a bitch!

Tutto ciò che si dice, in forma complottarda, sui legami economici e politici (interessi in Libia convergenti) fra Italia ed Egitto è assolutamente vero. Un buon riassunto lo fa Marina Forti su Internazionale. Gli accordi riguardano, va detto, anche il tema – scottante – dei migranti.

Nel dicembre 2015 Diritti e frontiere denunciava:

«Per il rappresentante del ministero dell’interno l’Italia non espelle minori non accompagnati. Certo, non ne considera la maggiore età in base alla legge del paese di provenienza ed attende soltanto che compiano diciotto anni ed un giorno per preparare la loro espulsione d’intesa con le autorità egiziane […] Secondo il Prefetto non si rimpatrierebbe nessun minore. Avrebbe anzi affermato che: ‘L’idea dell’interesse superiore del minore non la facciamo nostra, o solo quando si tratti davvero del suo interesse, altrimenti accogliamo i minori in modo civile, li teniamo distinti da adulti e famiglie. Abbiamo centri specifici, e di questo ringrazio la Commissione che ci ha dato le risorse necessarie’. Ed è appunto in questi ‘centri specifici’ che viene dato libero ingresso ai ministri egiziani con il chiaro intento di preparare il rimpatrio forzato di tutti coloro che, giunti dall’Egitto come minori non accompagnati, raggiungeranno i diciotto anni, ancora minorenni secondo le regole del diritto internazionale privato, se esiste ancora un diritto che non sia il diritto di polizia. In ogni caso è già gravissimo che rappresentanti del governo egiziano accedano a centri nei quali sono accolti minori provenienti dall’Egitto e richiedenti asilo.»

Insomma, al di là delle dichiarazioni, dei rimpalli, delle prese di posizione di questi giorni, i rapporti dell’Italia con gli egiziani non sono mai stati migliori. Ma la verità è che Regeni è stato ammazzato per salvare quei rapporti, non per danneggiarli. Perché i morti non parlano, i vivi sì. Insabbiare il caso con Regeni vivo sarebbe stato di certo molto più difficile. Paradossalmente è proprio l’ondata incontrollata di “teorie” di questi giorni a dimostrarcelo: è nel “rumore” che le verità si perdono. E retrodatando il focus dei ragionamenti la cosa appare in tutta la sua ovvietà. C’è un elefante, nella stanza, ma in mezzo a questo polverone sembra invisibile.

Amiconi: Renzi e al-Sisi

Come funziona l’impunità (in Egitto e in Italia)

I complottismi di questi giorni sul caso Regeni tendono all’eccezionalismo, cioè: siamo legittimati a fare ipotesi sui “retroscena” perché questo è un caso isolato. Eppure non c’è nulla di eccezionale in quello che è successo. Per prima cosa, sebbene in pochi se lo ricordino, c’è il precedente di uno straniero ucciso nelle carceri egiziane. In quel caso i poliziotti dissero che l’uomo, un insegnante francese 49enne di nome Eric Lang, era stato ucciso dai suoi “co-detenuti”.

In secondo luogo, andando contro ogni “eccezionalismo”, ogni retorica, ogni meschino complottismo c’è il racconto di un ordinario e a-sistematico stato di polizia. Due testimonianze di italiani possono rendere più chiaro questo punto. La prima è di un giornalista freelance, Andrea De Georgio, finito nelle prigioni egiziane nel 2011 (e uscitone grazie proprio alle pressioni dell’ambasciata):

«Fummo accusati prima di aver bruciato delle palme lungo il Nilo, poi di terrorismo e spionaggio internazionale. Tenuti 3 giorni e tre notti in un carcere tristemente famoso per i dissidenti politici, che qui venivano torturati e seviziati. Fortunatamente noi fummo arrestati come giornalisti occidentali. Riuscimmo a parlare con i nostri avvocati solo grazie all’intervento dell’Ambasciata italiana. Facemmo appena in tempo a chiamare, perché un attimo dopo ci sequestrarono i telefonini. A noi non hanno torto un capello… ma quello che è successo a Giulio Regeni mi ha riportato alla mente dei fantasmi, ricordi che mi accompagneranno per tutta la vita: quello che facevano ai carcerati ancora in attesa di giudizio. Ricordo di un bambino di 10 anni seviziato e torturato prima dai compagni di cella e poi dalle guardie carcerarie con una brutalità che spero di non vedere mai più.»

La seconda è di David Sansonetti, anch’egli giornalista freelance. Qui è importante il contesto in cui David è stato quasi linciato. A colpirlo erano “semplici cittadini” sostenitori di al-Sisi nella cornice di scontri fra questi e gruppi di opposizione al generale.

Fondamentale, per capire cosa abbiamo davanti, è capire in che senso si parla qui di «a-sistematicità». L’apparato repressivo egiziano è gigantesco, siamo in un regime e ogni regime non potrebbe tenersi in piedi senza la lealtà degli apparati. Un apparato che fa continuamente errori, perché è pletorico, ma è leale proprio perché il regime copre quegli errori.

Un apparato repressivo così esteso e così libero di fare il bello e il brutto tempo ha strutturalmente in sé le caratteristiche dell’improvvisazione quando si trova a gestire singoli casi. E’ proprio questa libertà di azione che assicura la lealtà. E’ proprio proteggendo questa libertà di azione con l’impunità che il regime raggiunge il livello di omertà necessario per mantenere compatte le proprie fila. Sappiamo il tipo di resistenze interne agli apparati che incontrano le famiglie di Stefano Cucchi, Federico Aldrovandi e tanti altri per ottenere verità e giustizia. Non siamo capaci di immaginare una cosa simile, ingigantita, in Egitto?

Su questi temi Il manifesto ha fatto un buon lavoro, vedi qui, qui e – già citato sopra – qui.

È proprio l’arbitrarietà, la casualità della punizione, insomma è proprio il fatto che queste persone possono fare quello che vogliono, a definire il concetto di Stato di polizia.

Meanwhile, in democratic Egypt...

Perché gli aguzzini di Giulio Regeni hanno fatto ritrovare il corpo

In tanti, e anche gli egiziani, dicono se davvero fosse stato il regime a uccidere Regeni, il corpo non sarebbe stato ritrovato. La semplice verità, invece, è tutta qui: lo hanno fatto ritrovare perché una campagna per il ritrovamento di Regeni stava montando e avrebbe messo sotto i riflettori il regime per molto tempo. Le sparizioni forzate, quelle in cui le persone non si ritrovano più, funzionano con i dissidenti interni. In questo senso la testimonianza di un amico egiziano di Regeni è importante:

«Lo avremmo salvato come il comico Islam Gewish, invece tenendo il profilo basso abbiamo perso tempo, Giulio è morto poco prima che lo ritrovassero, il sangue era ancora fresco”

Non è difficile, a questo punto, leggere il messaggio, l’avvertimento. Un segnale che il livello della repressione, con il peggiorare di tutti gli altri parametri e con in vista una serie di sfide anche economiche in cui è coinvolta l’italia, aumenta. Che non si guarda in faccia a nessuno e che nessuno, men che meno gli italiani, verrà mai a disturbare l’operato del regime. Quel «non ficcate il naso» non è rivolto ai servizi segreti italiani. Il messaggio è rivolto agli attivisti egiziani, prima di tutto, poi alla comunità internazionale, e alla comunità accademica internazionale.

Sarà per questo che il caso Regeni è in agenda nei colloqui diplomatici fra Washington e il Cairo. Joel Beinin dopo aver parlato di «attacco alla libertà accademica» sottolinea d’altronde: «sono sconvolto non tanto dalla repressione che ha avuto l’accademia in Egitto ma dall’estensione della repressione del regime».

Non stiamo a sotttolineare che proprio questa estensione è al centro delle riflessioni di uno studioso dei regimi (e della nonviolenza) come Gene Sharp, citato tante volte a sproposito in questi anni, si veda ad esempio il suo Come si abbatte un regime. Per dirla di nuovo con Beinin:

«non è necessario puntare sulle piste cospiratorie perché le persone vivono già abbastanza in uno stato di paranoia e queste spiegazioni non li aiutano di certo a capire.»

Ulteriori letture

Dell’Egitto. E di noi – di Ida Dominijanni

Quel sapore complottistico in certe ricostruzioni della morte di Giulio Regeni – di Marina Calculli

Il vero volto dell’Egitto che nessuno vuole vedere – di Alberto Negri

* Lorenzo Declich è un esperto di mondo islamico contemporaneo. Co-traduttore dall’arabo di saggi e romanzi, ha curato libri e collaborato con diverse testate giornalistiche. Nel 2015 ha pubblicato L’islam nudo: le spoglie di una civiltà nel mercato globale.

N.d.R. I commenti al post verranno attivati il 22 febbraio, per consentire una lettura ragionata e – nel caso – interventi meditati (ma soprattutto, pertinenti).

Scarica questo articolo in formato ebook (ePub o Kindle)Scarica questo articolo in formato ebook (ePub o Kindle)

Print Friendly

Altri testi che potrebbero interessarti:

9 commenti su “Nessuno tocchi il Pinochet d’Egitto, ovvero: fuffa e depistaggi sulla morte di Giulio Regeni

  1. Ottimo articolo, per approfondire i legami strutturali tra poteri ed interessi economici in Italia ed in Egitto, vi segnalo questo ottimo articolo di inchiesta uscito nelle Marche come anticipazione del numero #3 della rivista Malamente:

    http://malamente.info/2016/02/22/trafficanti-di-armi-nel-montefeltro-la-benelli-di-urbino/

    Si parla della Benelli Armi e della vendita di fucili per forze di polizia all’Egitto. L’aspetto più tragico e odioso dell’assassinio di Giulio Regeni è la combinazione di l’indifferenza, cinismo ed apatia etica che ha messo in luce in gran parte dell’opinione pubblica, o semplicemente del pubblico in Italia.

    (scusate il re-post avevo dimenticato il link)

  2. Un piccolo aggiornamento.

    Nonostante – penso lo si sia notato – l’imponente montare di monnezza di questi ultimi giorni, la sua fenomenologia non è mutata granché: poco si discosta dallo schema tracciato qui sopra.

    Da segnalare, forse, la vetta raggiunta da un legittimatissimo-a-parlare Angelo Panebianco che, sostanzialmente, si dice aperto a qualsiasi possibilità purché si parli di complotto.

    https://l.facebook.com/l.php?u=https%3A%2F%2Fpbs.twimg.com%2Fmedia%2FCcIouxzUAAIRT83.jpg&h=fAQGsuK_W

    Un altro punto alto è l’intervento del faccendiere Bisignani (teoria “servizi deviati”).
    http://www.iltempo.it/esteri/2016/02/21/giulio-regeni-un-segnale-a-renzi-quel-cadavere-tra-eni-e-al-sisi-1.1511297

    Di nuovo, se proprio si vuole, c’è questo nuovo modo di espropriare Regeni della sua individualità dipingendolo non più come una spia ma come un bamboccio. E’ andato per la maggiore, in questi giorni, il ritornello secondo cui fu “mandato allo sbaraglio” dai propri docenti di Cambridge. La tesi, qui, è di un intervento britannico, ma con la variante dell’inconsapevolezza di Regeni.

    Si parte con Aldo Giannuli, che ci dice che Regeni non era una spia (ma poi nei commenti ci dice che la “tesi del pezzo su Giap non sta in piedi”, come se quella esposta qui fosse una “tesi” e non la costatazione di fatti che vuole appunto contrapporsi a qualsiasi “tesi” o speculazione:

    http://www.aldogiannuli.it/regeni-non-era-una-spia/

    Qui Carlo Panella – sul tema “bamboccio” risulta quasi passibile di denuncia per diffamazione:

    http://www.huffingtonpost.it/carlo-panella/le-cattive-maestre-di-giulio-regeni_b_9252098.html

    (Panella è poi ospite in una puntata di Bianco e Nero su Radio 1 http://www.radio1.rai.it/dl/portaleRadio/media/ContentItem-7b2de285-92c6-41e0-b159-ed1231b7023c.html)

    Qui La Stampa ammanta la stessa tesi con una certa posatezza

    http://www.lastampa.it/2016/02/19/esteri/giulio-regeni-mandato-allo-sbaraglio-dai-suoi-docenti-inglesi-sv1TscnNnGt3oBUwjPoz2H/pagina.html

    Su questo genere di ragionamenti vale la pena leggere questa intervista:

    http://www.corriere.it/cronache/16_febbraio_20/regeni-non-faceva-ricerca-politica-a9ea7f4c-d74f-11e5-a4d1-c8704a1e2204.shtml

    Intanto c’è il capitolo: “professori che dicono che Regeni è stato mandato allo sbaraglio”

    a. http://www.repubblica.it/esteri/2016/02/20/news/il_professore_di_oxford_contro_cambridge_ricerche_pericolose_cosi_quelli_come_regeni_rischiano_la_vita_-133838671/ e sulla stampa https://www.lastampa.it/2016/02/19/esteri/giulio-regeni-mandato-allo-sbaraglio-dai-suoi-docenti-inglesi-sv1TscnNnGt3oBUwjPoz2H/pagina.html?zanpid=2136761455012557824
    b. http://www.quotidiano.net/giulio-regeni-1.1743391

    Risponde Andrea Teti (docente anche lui)
    http://www.ilfattoquotidiano.it/2016/02/17/regeni-docente-giulio-non-era-una-spia-ricerca-partecipata-metodo-normale/2472424/

    Come dice su FB un docente residente al Cairo del quale non faccio il nome:

    “Giulio Regeni, che non era una spia, non era un giornalista del Manifesto, e non era neanche uno sprovveduto o qualcuno che si faceva sfruttare dai suoi supervisor. Era un ricercatore e così va ricordato.”

    Notare che in tutto questo l’unico che rischia, esprimendo il suo parere in pubblico, è proprio questo docente residente al Cairo di cui non faccio il nome.

    I genitori – nel frattempo – dicono questo:

    http://www.repubblica.it/esteri/2016/02/21/news/i_genitori_di_regeni_paola_e_claudio_raccontano_chi_era_il_figlio_ora_non_infangate_il_suo_nome_-133881615/?ref=fbpr

    Non vale neanche la pena segnalare l’ultima versione egiziana, destinata a creare indignazione, e così poco credibile da non meritare menzione.

    Fra i complottismi più spinti c’è questo:
    http://federicodezzani.altervista.org/omicidio-giulio-regeni-unoperazione-clandestina-contro-legitto-e-gli-interessi-italiani/

    Barbara Ciolli su Lettera43 prova a fare un riassunto delle “domande senza risposta” che, tuttavia, diventa in sé una legittimazione del discorso complottista
    http://www.lettera43.it/cronaca/giulio-regeni-5-domande-ancora-senza-risposta_43675234857.htm

    In tutto ciò, fra i tanti esempi di “asistematicità del regime” (come detto nel post) va segnalato questo:

    http://www.agi.it/estero/2016/02/19/news/egitto_bimbo_di_4_anni_condannato_allergastolo-540006/

    Giuseppe Acconcia sul Manifesto scrive:

    “In realtà, secondo molti attivisti al Cairo, la prassi di liberarsi dei cadaveri torturati da parte della polizia egiziana è diventata una consuetudine. «In passato i corpi dei prigionieri venivano seppelliti negli stessi edifici della Sicurezza di Stato, ora vengono lasciati sul ciglio della strada», ci riferiscono ambienti della sinistra egiziana”

    http://ilmanifesto.info/regeni-lultimo-depistaggio/

    Da leggere per scrollarsi di dosso un po’ di sporcizia:

    Giovanni De Mauro sui rapporti economici tra Italia ed Egitto e i silenzi di Renzi
    http://www.internazionale.it/opinione/giovanni-de-mauro/2016/02/18/silenzio-giulio-regeni

    Omar Robert Hamilton, pubblicato originariamente su Jadaliyya (http://www.jadaliyya.com/)
    http://www.lavoroculturale.org/italia-egitto-giustizia-per-regeni/

    Rapporti tra trd e hacking team.

    http://bit.ly/1T9W6lS

  3. Probabilmente uno degli articoli più lucidi sulla questione Regeni, mi sorprende come nessuno abbia lasciato alcun commento. Pace all’anima di questo povero ragazzo, a mio avviso finito in un “gioco” più grande di lui, più grande di noi. Il mio commento non vuole essere un’analisi sulle responsabilità, sui colpevoli veri o presunti, su una verità che – mettiamoci il cuore in pace e visti gli interessi economici e geopolitici in gioco – non verrà mai a galla. La mia vuole essere una reazione “a caldo”, sul rapporto tra potere, impegno, verità e narrazioni, sull’infinità scissione fra realtà fattuale ed il nostro ruolo nel mondo, su quanto questo ragazzo, forse con la “lieta furia” di un uomo di 20 anni o poco più, non abbia potuto minimamente concepire i rischi a cui andava incontro. Sorprende apprendere come nelle torri d’avorio del sapere, fra i custodi della ragione occidentale anglosassone, non sia balenata la possibilità di un rischio, l’accorgimento, qualche precauzione di sorta, per evitare una simile tragedia. Lungi da me il fatto d’accusare questa vittima di ingenuità, ma ritengo che sia necessario più che mai ripensare e problematizzare il rapporto fra teoria e azione, fra sapere accademico e mondo e rendersi conto che non ha senso morire così, dare la vita per qualche pubblicazione, affrontare questo bagno di realtà che è la violenza di una dittatura con gli occhi dell’esploratore neocoloniale. Sapere che un giovane con la testa piena di sogni, nel cuore qualche verso di Pasolini, aspirante giornalista per il Manifesto, possa morire così, mi fa pensare a un film che non vorrei vedere, a una storia vista da un Occidente senza narrazioni, in cui la violenza è relegata a zone di indistinzione, zone di sospensione del diritto,una oscena doccia gelata di realtà, di una guerra che non vogliamo vedere, di giochi di potere a noi ignoti, dittature in cui la parola fa ancora paura, ci sembrano così lontane. Scusate, il mio era più uno sfogo, più che una riflessione vera e propria.

    • C’è da sottolineare che un elemento di “sorpresa” esiste (è una cosa che ho anche registrato fra chi gli stava vicino nel suo lavoro) ma riguarda il fatto che nessuno si aspettava il livello di cecità cui stava arrivando l’apparato repressivo egiziano. Nessuno lo ha “mandato allo sbaraglio” perché nessuno immaginava che la repressione potesse arrivare a toccare uno come lui. Regeni non era né il primo né l’unico a fare ricerche del genere, che sono sempre state fatte. Fino a un mese fa tutti sapevano di essere controllati e stavano attenti, esattamente come Regeni, ma una risposta così pesante non era mai stata immaginata. E’ questo il punto importante: un regime che non ha mai smesso di evolvere nel grado di repressione. E’ in questo senso che la vicenda di Regeni è un “segnale” del fatto che una certa “linea rossa” è stata superata.

    • Guarda però di non cadere nella trappola del “ragazzo mandato allo sbaraglio”, trita e ritrita ormai da molti commentatori e che qui sopra nel commento di Lorenzo trovi ben descritta e referenziata.
      Da quello che scrivi emerge la figura di un giovane ricercatore con la testa piena di sogni, che si butta sul campo perché spronato da qualche professore che non si è fatto troppi scrupoli di coscienza a mettere in pericolo una giovane vita. Allo sbaraglio col sorriso perché ha la testa piena di ideali alti e di versi pasoliniani.
      Tradotto in termini pratici, il tuo discorso (inconsciamente, ne sono certo) sottende che Regeni era un inetto che si è fatto fregare.
      Questo è un frame tremendamente sbagliato e pericoloso da cui ci dobbiamo sottrarre, perché nega la sua libera scelta e la sua professionalità sminuendolo al livello di un tranquillizzante bamboccio, grazie al quale l’opinione pubblica può tirare un sospiro di sollievo e dire: vabbè quindi non è colpa nostra e neanche di al-Sisi, s’è fatto fregare da dei cinici docenti universitari, si dia a loro la colpa. Noi, liberi tutti.

      Questo discorso oltre ad essere auto-assolutorio e deresponsabilizzante per i governi italiano ed egiziano, offende anche la dignità di Regeni, perché non lascia spazio a una verità ben più profonda:
      era un ricercatore, un uomo consapevole di ciò che faceva e che nel pieno della sua libertà di scegliere che vita fare, svolgeva una ricerca sociale e politica su un paese repressivo. Lui aveva deciso che quello era il suo campo di interesse, sapeva che la sua ricerca era importante e aveva scopi ben più alti che compiacere qualche professore universitario con una pubblicazione.
      E la svolgeva certamente ben conscio dei pericoli che correva.

      Poi, quale sarebbe il gioco più grande di lui? Qui non c’è in ballo nessun complotto da film di spionaggio: la realtà come al solito è molto più semplice e disarmante delle fantasie che la vorrebbero descrivere. Un ricercatore che studia un regime repressivo è scomodo e pericoloso per gli apparati del regime stesso.
      E visto che quel regime in particolare è strutturalmente sostenuto dal nostro Paese e dalle nostre grandi aziende, è altrettanto chiaro che non c’è alcun interesse qui da noi ad ammettere le nostre corresponsabilità.

      Io vorrei invece che si capisse e si dicesse chiaro e tondo che il responsabile dell’atrocità è il regime di al-Sisi, coi suoi apparati repressivi e con la connivenza di molti governi, primo tra tutti il nostro.
      Perché offrire vie di fuga?

      Insomma quello che ti voglio dire è che per i responsabili è troppo comodo se noi andiamo in giro a dire che la verità non verrà mai a galla perché è più grande di noi, riesco a spiegarmi?
      Abbiamo il dovere di denunciare le cose stando coi piedi per terra.
      Quindi per favore nessuno sconto, nessuna assoluzione, nessun quadro lirico e lacrimevole del ragazzino mandato allo sbaraglio in giochi di potere incomprensibili: la realtà è che un regime repressivo ha ucciso un uomo la cui intelligenza riteneva una minacciosa.
      E’ questa la realtà a cui dobbiamo stare inchiodati e a cui dobbiamo inchiodare i mandanti.

  4. Non ho approfondito molto il tema delle “carte” giocate dal regime, vista la loro evidente inconsistenza L’ultima però vale la pena di citarla: è la pista terroristica

    http://messaggeroveneto.gelocal.it/udine/cronaca/2016/03/02/news/il-cairo-dietro-la-morte-di-giulio-regeni-c-e-il-terrorismo-1.13053756

    http://www.huffingtonpost.it/2016/03/02/regeni-terrorismo-egitto_n_9367876.html

    Anche qui il cerchio si chiude: vale tutto, vanno bene proprio tutti, ad esclusione di qualcuno “interno” all’apparato.

    Il paradigma della protezione e dell’impunità, cui accennavo, richiede appunto questo tipo di approccio.

    Faccio una previsione. Prima o poi sarà tirato fuori qualche “falso colpevole” dell’apparato, ma ci vorrà ancora un po’.

    Notare – ironia della sorte – che quest’ultima uscita conferma un altro importante paradigma: il terrorismo è funzionale a un regime.

    C’è sempre la carta “terrorismo” da giocarsi quando si arriva ai ferri corti.

    E spesso è l’ultima carta: i dittatori generalmente non la giocano perché la cosa danneggia l’immagine di un regime che “controlla il terrorismo” (la favoletta su cui si costruisce molta parte della retorica del “male minore”, dalle nostre parti).

  5. […] Della recente vicenda del ricercatore Giulio Regeni, assassinato in Egitto tra il gennaio e il febbraio 2016, s’è già parlato molto sulla stampa italiana, spesso concedendo spazio alla morbosità, al complottismo e alla facile indignazione. […]

  6. […] mesi fa abbiamo pubblicato un post di Lorenzo Declich intitolato Nessuno tocchi il Pinochet d’Egitto: fuffa e depistaggi sulla morte di Giulio Regeni. Ancora prima, Lorenzo ne aveva scritto uno per Vice intitolato Cose che non possiamo più […]

  7. […] «non è necessario puntare sulle piste cospiratorie perché le persone vivono già abbastanza in uno stato di paranoia e queste spiegazioni non li aiutano di certo a capire.» (da qui) […]

Leave a Reply